Paolo Sorrentino: un napoletano sui generis

Cosa accade nella vita e nella cucina di un registra e sceneggiatore come Paolo Sorrentino? Accade che l’amore per il cibo possa portarlo lontano dai sapori del luogo in cui è nato. Sorrentino ha, infatti, scoperto con grande meraviglia che, a volte, anche il Nord può rivelare delle piacevolissime sorprese.

Napoli gli ha dato i natali e il mondo si è preparato ad accogliere il suo genio. Paolo Sorrentino è uno dei registi più acclamati sul panorama nazionale e ha ottenuto riconoscimenti anche a livello internazionale. Di lui, però, oggi vogliamo conoscere altri segreti: quelli del palato e della cucina.

Del resto, chiunque sia nato in Italia e, soprattutto, a Napoli non può sfuggire al legame col cibo. Un legame che ti segue anche quando sei lontano o distratto e che ti riporta alle origini nei momenti più inattesi.

Pronto ad aggiungere un posto a tavola?

Il ruolo del cibo nella carriera di Paolo Sorrentino

Paolo Sorrentino cibo
Fonte: Corriere della Sera

Il cibo non è solo fonte di nutrimento e ciò che ci permette di sopravvivere. Il cibo può trasformarsi in un gesto d’amore, in un conforto, in un appiglio sicuro ma, soprattutto, in arte. E quest’ultimo assunto non potrebbe essere più vero di così parlando di Paolo Sorrentino.

Il ruolo che il cibo ricopre nella vita del regista, infatti, emerge anche dai suoi film. In essi, il cibo diventa metafora di concetti più ampi, resi però accessibili grazie all’uso sapiente delle immagini: tradimento, spreco, introspezione, solitudine, perfino un modo per recuperare il legame con le proprie origini.

La Grande Bellezza lascia poco spazio ai dubbi proprio per il continuo ricorrere di immagini legate al cibo: la suora che raccoglie gli agrumi nel giardino, gli spaghetti alle vongole mangiare con forchetta e cucchiaio solo per citarne alcuni.

E come dimenticare il piatto di cime di rapa lasciato a galleggiare in una fontana?

La cucina preferita di Paolo Sorrentino

Estimatore della buona gastronomia, oltre che dell’arte, Paolo Sorrentino ha stupito il mondo – e, probabilmente, anche i suoi compaesani – nel rivelare che la sua cucina preferita non è quella napoletana.

La sua preferenza va, infatti, in assoluto alla cucina piemontese, che non smette mai di conquistare il suo palato. Di essa, apprezza la qualità, la varietà dell’offerta, la sapienza della lavorazione delle materie prime. E ne è un tale amante che, come ha rivelato, non capita di rado che gli capiti di mettere su qualche chilo ogni qualvolta si reca nella bella Torino per girare un film.

“Mi rendo conto che detto da un napoletano come me può sembrare un’eresia,  ma io credo che la cucina piemontese sia davvero a un livello superiore, una cosa quasi senza eguali.”

Non è un caso che Paolo Sorrentino abbia individuato il suo ristorante preferito nelleTre Galline di Torino. L’unica altra cucina che può aspirare a competere per Paolo Sorrentino? La cucina siciliana.

Se non sei troppo offeso per perdonarlo, il consiglio che ti do è quello di provare ad abbracciare la prospettiva del regista e di dare una chance alla cucina piemontese. Vi basta fare un salto sul sito del suo ristorante preferito, del resto, per comprendere meglio le ragioni della sua scelta. Insomma, anche questa settimana, aggiungi un posto a tavola e, magari, metti nel piatto un po’ di Piemonte.

Ti assicuro, per esperienza personale, che non te ne pentirai.

Paolo Sorrentino cibo
Fonte: Scattidigusto

 

Potrebbe piacerti anche:
In cucina con amore e con Sophia Loren
La parmigiana di Cannavacciuolo e della sua mammà
Il piatto preferito di Maradona

Next Post

Sitting Volley: ne parliamo con Alessandra Vitale

Sab Apr 24 , 2021
Il Sitting Volley raccontato in una emozionante intervista con Alessandra Vitale, capitana della nazionale e ambasciatrice per lo sport paralimpico.