Ricetta scagliuozzi napoletani: street food a triangolini

Nuove ricette e ancora street food! Nella ricetta di oggi, vediamo insieme come preparare gli scagliuozzi napoletani

Come tutte le domeniche, tornano anche questa settimana le ricette del Corriere di Napoli. Oggi ci concentreremo sullo street food: dopo aver “assaggiato” sfogliatelle, babbà, panini napoletani e taralli, adesso ecco la ricetta degli scagliuozzi napoletani!

Facilmente trovabile nel buonissimo cuoppo, vediamo insieme come preparare uno dei classici della frittura alla napoletana…

Ingredienti

350 gr polenta
Acqua q.b
50 gr burro
50 gr parmigiano
50 gr pecorino
10 gr sale
10 gr pepe
100 gr guanciale o cicoli

Procedimento

Iniziare preparando la polenta seguendo le indicazioni riportare sulla confezione e aggiungere sale e pepe. A cottura ultimata, togliere la pentola dal fuoco e aggiungere burro, parmigiano e guanciale (o cicoli), mescolando per bene il composto.

Quando si sarà intiepidito, disporre il contenuto su un foglio di carta da forno e successivamente ricoprirlo con un altro foglio. Stendere il tutto con un mattarello fino ad ottenere uno spessore di circa 2 cm . Riporre la teglia in frigorifero e lasciare raffreddare per almeno 2 ore (ma si consiglia di tenerli un po’ in più).

A questo punto non resta che dare forma agli scagliuozzi: con l’aiuto di un coltello tagliare dei pezzi di forma rettangolare o triangolare, cercando di mantenere la stessa dimensione.
Per formare dei triangoli perfetti crea prima dei quadrati e poi effettua un taglio obliquo.

Arrivati a questo punto, non resta che friggerli in olio caldo, fino a doratura!

Leggi anche La storia del ragù napoletano: dalla Provenza a Napoli

One thought on “Ricetta scagliuozzi napoletani: street food a triangolini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Il gioco di squadra del MANN: la sinergia con Anacapri

Dom Lug 26 , 2020
Il MANN come "faro dei musei del Mediterraneo". Il nuovo obiettivo si arricchisce con l'offerta in sinergia con Anacapri e la Casa Rossa.
sinergia con Anacapri