24.5 C
Napoli
martedì, Maggio 24, 2022

Matilde Serao e Il Ventre di Napoli

Per la rubrica Specchi di Carta, una grande giornalista e scrittrice, Matilde Serao, che ha fatto cronaca di un’epoca negativa per i quartieri di Napoli.

studio medicina olistica

Trama del libro

Il ventre di Napoli, pubblicato nel 1884, è un libro suddiviso in due parti, entrambe cronache riassuntive di un’epoca basata sul degrado partenopeo. Dai libri di storia o dai racconti dei bisnonni sappiamo quanto il colera abbia segnato la ‘’questione meridionale’’: questo libro ha inizio proprio nel 1884, quando l’epidemia dilaga in ogni via, quartiere o provincia di Napoli, a tal punto da portare il sindaco ad inviare una lettera al presidente Depretis per informarlo della situazione. La scrittrice si sofferma sulla capacità dei napoletani di sopravvivere in condizioni disastrate, fino ad arrivare alla creazione di ridi occulti pur di rispondere al morbo.

CAPITOLI PRIMA PARTE

  1. Bisogna sventrare Napoli
  2. Quello che guadagnano
  3. Quello che mangiano
  4. Gli altarini
  5. Il lotto
  6. Ancora il lotto
  7. L’usura
  8. Il pittoresco
  9. La pietà

La seconda parte ha inizio con Depretis che annuncia l’abbattimento delle zone più degradate di Napoli per risanare la città e far spazio a grandi piazze. Ma Matilde Serao fa del vero e proprio giornalismo, raccontando di come i napoletani preferiscano affidarsi alla chiesa piuttosto che ai distretti sanitari.

CAPITOLI SECONDA PARTE 

  1. Il paravento
  2. Le case del popolo
  3. Che fare?

pubblicità in-article

Biografia dell’autore: Matilde Serao

Matilde Serao è stata scrittrice, giornalista, scrittrice, imprenditrice di fine 1800. Nel 1882 è stata la prima donna redattrice nella storia del quotidiano romano, fonda due giornali: Il Mattino e Il Giorno. Sposata nel 1885 con Edoardo Scarfoglio e madre di quattro figli. Autrice di grandi romanzi, quali La conquista di Roma, Piccole anime e Il ventre di Napoli. Nel 1900 ci fu l’inchiesta del senatore Saredo su Napoli, in cui anche il Mattino fu coinvolto con accuse a Scarfoglio e Serao di aver ricevuto soldi in cambio di favori, per un tenore di vita superiore.

Nel giro di poco Matilde Serao scompare dal mattino, per dedicarsi alla rivista Settimana, che non ebbe molto successo. Alla morte del marito nel 1917, sposa un altro giornalista, Giuseppe Natale. Fu candidata al Premio Nobel per la letteratura, ma a causa delle sue posizioni contro la guerra, fu fermata da Mussolini, dando così il premio a Grazia Deledda. 

Potrebbe interessarti:

Specchi di Carta: ultima puntata de Il Commissario Ricciardi

Articoli Correlati

I NOSTRI SOCIAL

2,226FansLike
2,660FollowersFollow
51FollowersFollow
34SubscribersSubscribe

Articoli Recenti