Torna l’Europa League: il Granada per conquistare gli ottavi

Vincere per centrare gli ottavi e continuare a sognare anche in Europa. Granada Napoli rappresenterà la svolta per la stagione azzurra?

Domani sera torna l’Europa League ed il Napoli di Gennaro Gattuso sarà impegnato al Nuevo Estadio de Los Cármenes di Granada, contro il Granada, per il primo turno dei sedicesimi di finale della competizione Europea.

“Ringhiare” per prendersi la qualificazione

Il Napoli arriva alla sfida di domani sera in condizioni precarie. I partenopei, infatti, dovranno fare a meno di Lozano, Koulibaly, Manolas, Petagna e Demme, tra gli altri, vista l’infermeria piena. Nonostante questa enorme difficoltà, gli azzurri arrivano alla sfida motivati dalla fondamentale vittoria di campionato contro la Juventus, decisiva per far svoltare una stagione.

Granada Napoli
FOTO: calcionapoli1926.it

il Granda, invece, arriva alla sfida di Europa League dopo aver ottenuto solo un punto nelle ultime tre sfide di Liga. Anche gli andalusi di Penas dovranno far fronte ad una serie di importanti assenze: Neyder Lozano e Quini da tempo, a cui si sono aggiunti Luis Milla, Roberto Soldado, Luis Suarez, German e Montoro.

Granada Napoli
FOTO: foxsport.com.eu

Probabili formazioni di Granada-Napoli

GRANADA (3-4-3): Silva; Duarte, Vallejo, Sanchez; Foulquier, Gonalons, Herrera, Neva; Machis, Molina, Kenedy. All. Martinez

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Maksimovic, Mario Rui; Elmas, Lobotka, Fabian; Politano, Osimhen, Insigne. All. Gattuso
Ballottaggi: Lobotka-Bakayoko 55%-45%, Fabian-Zielinski 55%-45%

ARBITRO: Sergei Karasev (RUS)

Potrebbe interessarti:

I 5 giocatori memorabili di Napoli-Juventus

Next Post

Una personale per Christian Leperino: The Other Myself

Mer Feb 17 , 2021
Con the Other Myself Christian Leperino racconta il vissuto di 21 sconosciuti, persone comuni, immigrati, con un bagaglio di esperienze drammatiche dietro le spalle spesso taciuto di cui l'artista ci fa partecipi attraverso l'espressività dei loro volti. Questa scultura presente al Madre è a tutti gli effetti un tuffo nella vita altrui che spesso ignoriamo in cui lo spettatore difficilmente non troverà una somiglianza con sé stesso.
Christian Leperino