Co’sang, chi more pe’ mme: il rap napoletano

Puntata di Napoli Milestones dedicata ai Co’sang e alla storia che hanno fatto nel rap napoletano e non solo.

I Co’sang sono un ex gruppo di hip-hop napoletano composto da Luchè e Ntò (attualmente lavorano in modo individuale). Ntò, pseudonimo di Antonio Riccardi, nipote di Enzo Avitabile e Luchè, pseudonimo di Luca Imprudente. Essendo la prima puntata, ma non solo per questo, partiamo dall’inizio.

I Co’sang sono stati in attività dal 1997 al 2012 e contano 2 album: “Chi More pe’ Mme” pubblicato nel 2005 con il quale esordiscono nella scena rap e “Vita Bona” pubblicato nel 2009. Nell’ottobre 2006 i CoSang firmano un contratto di distribuzione con Universal Music con il quale il gruppo pubblica il suo secondo ed ultimo album. I temi affrontati sono quelli della vita nelle periferie napoletane. Infatti i due, attuali, solisti sono nati entrambi a Marianella, nella periferia nord di Napoli.

Chi More pe’ Mme

Pubblicato nel 2005 e distribuito dalla Universal, conta 16 brani per un totale di 58 minuti circa (58:25). L’album è cantato tutto in napoletano ed al suo interno troviamo alcuni featuring come 2Bad, Lucariello, Elementree e Fuossera. Tra le varie canzoni spicca sicuramente Int ‘o Rione brano che ha fatto conoscere a tutta Italia il gruppo.

studio medicina olistica

E tra i vari brani rap è presente anche la traccia “Chi More pe’ Mme” omonima del’ album, ecco di seguito il testo:

Yeah, ah

Sento ‘a voce cu’ ‘o ritorno, ancora
Però ancora ‘na vota nun me ne faccio proprio
Pecché aggi”a registrà, aggi”a dicere, aggi”a parlà
Aggi”a dicere coccose, chello che sento, chello che veco
‘A raggia, ‘a raggia che tengo ‘a caccio ‘a fore, siente
Siente moVoglio girà ‘o munno
Cu’ ‘e piere? O cu’ ‘e parole toje?
Vedè chi more pe’ mme
‘O ssaje, ognuno guarda ‘o ssuojo
Voglio girà ‘o munno
Cu’ ‘e piere? O cu’ ‘e parole toje?
Vedè chi more pe’ mme
‘O ssaje, ognuno guarda ‘o ssuojo

Dimme che posso fà se tengo ll’uocchie ‘nfronte
Collegati ‘a lengua ca nun offende, ‘a menta pronta
Sostanzialmente me racconto e racconto, cruro ‘e natura
Sotto ‘a luce d”a luna è juorno scuro
Dedico ‘e note a facce sconosciute
Pittanno ‘a vita ‘a ‘int”e mattune
‘A vita nun se stuta, s’aspetta ‘a morte vestute
‘O pugno ‘e fierro dint”o guanto ‘e velluto
Pe’ ogni minuto n’atu pover’ommo s’è vennuto
E nun accummencia e nun fernesce niente
‘E piezze gruosse dint”e Roadster
‘E piezze nuoste dint”o stereo
Roba overo, rap serio
Mantenimmo chi nun se n’accorge
Chi overo se vo’ fà coinvolgere
E arriva pure ‘a rima p”e ridicoli
Nun ‘e chiudere dint”o studio ‘e critiche
Nun si’ ‘o tipo cu’ ‘e grillette e cazette ‘e lycra
‘Iss”a cercà amicizia ‘a Co’Sang
Pusate cullane e cappielle, mmiezzo ‘a via nun ve sanno
‘O bbene vence a doppo ‘o sacrificio
Difficile, è poco ‘o tiempo p”o capì
Jenno appriesso ‘o successo
Coccodrillo, cincillà, case e proprietà
Pasha de Cartier, vacanze a Sharm
Padrune d”o quartiere danno esempio
‘Int”a nu mese trenta esequie, requiem senza tregua

E tutto ‘o pianeta more p”e monete
Pezziente e nobili, ‘o stesso obiettivo
Cu’ ‘o doppio petto oppure l’UZI, è accussì
Pecciò je
Voglio girà ‘o munno
Cu’ ‘e piere? O cu’ ‘e parole toje?
Vedè chi more pe’ mme
‘O ssaje, ognuno guarda ‘o ssuojo
Voglio girà ‘o munno
Cu’ ‘e piere? O cu’ ‘e parole toje?
Vedè chi more pe’ mme
‘O ssaje, ognuno guarda ‘o ssuojo
Voglio girà ‘o munno
Cu’ ‘e piere? O cu’ ‘e parole toje?
Vedè chi more pe’ mme
‘O ssaje, ognuno guarda ‘o ssuojo
Voglio girà ‘o munno
Cu’ ‘e piere? O cu’ ‘e parole toje?
Vedè chi more pe’ mme
‘O ssaje, ognuno guarda ‘o ssuojoChesta va a chi parla ‘e strada e nun ha mai visto ‘e strisce janche
Renghiere ‘a stanza d’ansia, vint’anne so’ già abbastanza
Versalo ‘stu champagne, adoppo piselo
Vide bbuono si tene ‘o spessore ‘e n’omme ‘e core
‘E frase povere nun fanno rummore
Je caccio ‘o ffuoco, l’oro è poco pe’ ‘sti mane chiene ‘e rancore
E dint”a ‘stu bicchiere liquore
Dint”a chist’ato succo a pera pe’ accuncià ‘a vocca
N’ato surso e m’abbocco
Chesto songo je iastemanno ‘e nuvole ca annasconneno a Dio
Solitudine, emozioname e famme stà fore ‘a ‘stu munno
Addò l’ammore è ‘na corsa a chi fuje, cchiù forte ‘e chella p”e sorde
E nun ‘o supporto, ce ‘o veco dint’a ll’uocchie ‘e ‘sti codardi
Nun salutano si nun ‘e vatte, ‘e scommo ‘e sanghe
Va chiano ‘o core
Sto ‘nterra, sto murenno e nun m’arrenno ancora

Va chiano ‘o core
Sto ‘nterra sto murenno e nun m’arrenno
Vivenno addò ‘a quotidianità se magna ‘a gente
Mo ‘o caccio ‘a fore ‘o fierro e m”e faccio, ma che tengo ‘a vedè?
Nisciuno more pe’ mme, ‘o saccio buono
Pe’ chesto scrivo rap indipendente, e pe’ tramento
Te tiene ‘a femmena ca ammierete, strunzo
Mentre je penso all’influenza ca voglio dà ‘o munno
E appunto, Co’Sang, mmiezz”a via campammo
E sfunnammo tutt”e vote che rappammo, e ‘o sanno

Voglio girà ‘o munno
Cu’ ‘e piere? O cu’ ‘e parole toje?
Vedè chi more pe’ mme
‘O ssaje, ognuno guarda ‘o ssuojo
Voglio girà ‘o munno
Cu’ ‘e piere? O cu’ ‘e parole toje?
Vedè chi more pe’ mme
‘O ssaje, ognuno guarda ‘o ssuojo
Voglio girà ‘o munno
Cu’ ‘e piere? O cu’ ‘e parole toje?
Vedè chi more pe’ mme
‘O ssaje, ognuno guarda ‘o ssuojo
Voglio girà ‘o munno
Cu’ ‘e piere? O cu’ ‘e parole toje?
Vedè chi more pe’ mme
‘O ssaje, ognuno guarda ‘o ssuojo

Potrebbe interessarti:

Prima puntata di Old but gold: i Co’sang

Next Post

20 aprile 2018: Capo Plaza pubblica “20”

Mar Apr 20 , 2021
Capo Plaza pubblica, il 20 aprile 2018, il suo album d’esordio da solista intitolato “20”; noi di Corriere di Napoli vogliamo festeggiare il suo 3° anniversario ed il suo 23esimo compleanno dedicandogli un articolo.
Capo Plaza