Coronavirus: i punti della fase 3

1

Dal 18 maggio riaprono i negozibar e ristoranti, e anche i parrucchieri, che potranno lavorare anche la domenica e il lunedì, e poi dal 25 maggio via libera alle riaperture dei centri sportivi che sono rimasti chiusi finora a causa del Coronavirus. Ecco i 21 punti per riaprire, con gli indicatori di processo sulla capacità di monitoraggio, gli indicatori di processo sulla capacità di accertamento diagnostico, indagine e gestione dei contatti e, infine, gli indicatori di risultato su stabilità della trasmissione e capacità della tenuta sistema sanitario:

I punti per riaprire

Indicatori di processo sulla capacità di monitoraggio (Punti 1-8)

1 – Numero di casi notificati per mese in cui è indicata la data di inizio sintomi di Coronavirus;

2 – Numero di casi notificati per mese con storia di ricovero in ospedale in cui è indicata la data di ricovero a causa del Coronavirus;

3 – Numero di casi notificati per mese con storia di trasferimento-ricovero in reparto di Terapia intensiva;

4 – Numero di casi notificati per mese in cui è riportato il comune di domicilio o residenza;

5 – Numero di checklist somministrate settimanalmente alle Rsa;

6 – Numero di strutture Rsa rispondenti alla checklist.

Indicatori di processo sulla capacità di accertamento diagnostico, indagine e gestione dei contatti

7 – Percentuale di tamponi positivi allerta se c’è un trend in aumento;

8 – Tempo trascorso tra la data di inizio dei sintomi e il giorno in cui si effettuano i tamponi;

9 – Tempo trascorso dall’inizio dei sintomi e la data dell’isolamento
• allerta se supera i 3 giorni;

10 – Numero di persone dedicate al contact tracing
• allerta se è sotto gli standard europei;

11 – Numero di persone dedicate a servizi territoriali di prelievo e di laboratorio;

12 – Numero di casi in cui è stata fatta una puntuale indagine epidemiologica.

Indicatori di risultato su stabilità della trasmissione e capacità della tenuta sistema sanitario

13 – Numero di casi riportati alla Protezione civile negli ultimi 14 giorni
• allerta se sono in aumento per 5 giorni consecutivi;

14 – RO sopra 1 o non calcolabile;

15 – (Opzionale) Numeri di casi comunicati alla sorveglianza Covid net;

16 – Numero di casi per data diagnosi e per data inizio sintomi riportati alla sorveglianza speciale
• allerta se i casi sono in aumento per una settimana;

17 – Numero di nuovi focolai
• allerta se c’è evidenza di nuovi focolai negli ultimi sette giorni;

18 – Numero di nuovi casi per i quali non è chiara la catena di trasmissione;

19 – Numero di accessi ai pronto soccorso con sintomi da Covid
• allerta se l’aumento è pari o superiore al 50%;

20 – Tasso di occupazione dei posti letto di Terapia intensiva per pazienti Covid
• allerta se è superiore al 30%;

21 – Tasso di occupazione dei posti letto di area medica per per pazienti Covid
• allerta se è superiore a 40%.

Non perderti tutte le nostre news sportive e non solo:

One thought on “Coronavirus: i punti della fase 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

FaceToFace, Paolo Giulierini racconta il MANN digitale

Gio Mag 14 , 2020
Paolo Giulierini si racconta al CdN. Il direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli affronta vari temi: la ripresa del turismo e l'apertura museale
Paolo Giulierini si racconta al CdN