5.5 C
Napoli
mercoledì, Gennaio 26, 2022

Corriere di Napoli

Monne e Madonne, l’accessibilità alla Fondazione De Chiara De Maio

Dal 9 Ottobre 2021 e fino al 9 Gennaio 2022, presso la Cappella del Pontano e la chiesa del SS. Salvatore, potrete visitare la mostra Monne e Madonne. Fra i dipinti 16 opere di rara bellezza che coprono cinque secoli di storia.
La mostra è nata da un progetto dello storico dell’arte, il professor Vincenzo De Luca,  che prendendo in considerazione la collezione della Fondazione De Chiara De Maio, ha voluto rendere omaggio alla donna, ponendo lo sguardo attraverso le epoche, le sensibilità, il mito, la religione e la quotidianità, sulla condizione femminile.
Interessante anche il titolo della mostra, legato a due termini Monna e Madonna, diversi ma strettamente uniti nella propria matrice. Diodato De Chiara, direttore della Fondazione omonima, ci ha spiegato il perché di questo nome:
“I termini ‘Monna’ e ‘Madonna’ sono strettamente legati. Madonna è un titolo d’onore che si è usato dal Medioevo in poi parlando di una donna tra le classi più abbienti e che in tempi più recenti ha avuto come uno riferimento unico la Vergine Maria. L’etimologia è infatti “mia donna”, di cui monna è proprio la contrazione. Monna e Madonna quasi si confondono e diventano nella mostra il desiderio di recuperare lo sforzo dei pittori di esaltare della donna l’armonia fisica o la forza dei sentimenti.”

I luoghi dell’allestimento di Monne e Madonne

La mostra è allestita in due spazi di via dei Tribunali, la Cappella del Pontano e la vicina chiesa del Santissimo Salvatore, di solito chiusi al pubblico. Si può approfittare per visitarli, quindi, visitando la mostra che viene esposta qui non casualmente. Infatti il direttore De Maio ci spiega:
Cappella del Pontano
“La scelta della cappella Pontano nasce dalla conoscenza con Raffaele Iovine, Presidente dell’ Associazione Pietrasanta. E a priori, non c’è luogo più indicato dove la donna può essere raccontata a Napoli, perché proprio in quest’area di via Tribunali, dove è stata poi edificata anche la cappella Pontano, per l’appunto, sorgeva in epoca pagana il tempio dedicato al culto di Diana , protettrice della caccia, degli animali selvatici e delle donne.”
La cappella Pontano, edificata da Giovanni Pontano come tempio funerario per la moglie Adriana Sassone, è il luogo ideale per l’allestimento della mostra Monne e Madonne. Il corpo e le virtù femminili , per lo più dipinti legati dalla tematica della donna, principalmente del Seicento.
Le opere della mostra, divise in blocchi da otto, raccontano nella Cappella Pontano le fattezze anatomiche dei corpi, mentre nell’attigua chiesa del Santissimo Salvatore sono evocate le virtù.

Il bassorilievo, l’opera accessibile

La mostra include anche un progetto sensoriale: la creazione di un bassorilievo ispirato ad un’opera barocca.
Diodato De Maio ci racconta com’è nata l’idea e a chi è indirizzata:

“La riproduzione del Mosè salvato dalle acque di Antiveduto Gramatica nasce per gli ipovedenti, tuttavia è indirizzato a chiunque voglia leggere l’immagine in modo diverso, gustandone con le mani sporgenze e rientranze. E’ un vero e proprio progetto tattile rivolto ai bambini e agli stessi normo-vedenti, perché permette di vivere un’esperienza plurisensoriale che consentirà, magari, con il tatto di scoprire dettagli che la semplice vista distrattamente dimentica di focalizzare.”
L’opera, realizzata da maestro Antonio Teodorico Avello e dagli allievi del Liceo Artistico Caravaggio di San Gennaro Vesuviano, è dapprima una scultura in argilla di grandezza pari all’opera originale a cui si ispira.
Le sporgenze di paesaggio e figure vanno dallo stacciato al basso all’alto rilievo fino quasi al tutto tondo. La Fonderia Nolana Del Giudice ha poi tradotto il lavoro di Avello in un unico blocco di alluminio.
“Il pubblico ne è entusiasta. Hanno molto apprezzato quest’opera per la sua inclusività, cosi come il piacere di scoprire particolari che la vista non aveva permesso di notare. Molti ci fanno notare, ad esempio, la figura di un cane che nel dipinto è nascosto tra le ancelle, quindi poco visibile, e che invece nel basso-alto rilievo è ben in evidenza. “

La centralità della donna

La mostra Monne e Madonne vuole proporre una chiave di lettura tematica per selezionare e leggere, focalizzando l’attenzione sulle presenze femminili, le opere d’arte appartenenti alla Fondazione.

La centralità indiscussa della donna ci porta, sul finire della nostra intervista, ad approfittare della disponibilità del direttore per fargli un’ultima domanda.  Quanto sono state importanti le donne nella storia dell’arte?

“La figura della donna nella storia dell’arte, se ci riferiamo ad esse come artiste, tarda ad arrivare. Parliamo infatti di fine ‘800. Tuttavia nel ‘500, nelle arti figurative il discorso si sdoppia: se da una parte le artiste vengono riconosciute in quanto tali, come nel caso della Tintoretta o di Artemisia Gentileschi, dall’altra, soprattutto laddove non c’è mano femminile, la donna diventa un soggetto spesso allegorico.  

Le oltre venti opere proposte sono sono tutte di mano maschile e ognuna garantisce una specificità. Alcune indagano sull’anatomia del corpo, altre su valori metaestetici. Le due sezioni sono dedicate pertanto alla fisicità e al pensiero femminile.

Quando e dove?

La mostra è visitabile tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 20 in via dei Tribunali, Napoli.
Il costo del biglietto è di 5€ per quello intero e 3€ il biglietto ridotto.

Info al numero: 3756043530

 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,136FollowersFollow
19,100SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles