Mozzarella in carrozza, il pane non si spreca

Dall’unione di due ingredienti semplici ma di qualità, al grido di: in cucina non si butta via nulla, nasce la Mozzarella in carrozza. Il piatto sfizioso a cui i napoletani non rinunciano.

La mozzarella in carrozza, è uno di quei piatti che forse ora nelle nostre case, si prepara pensando all’organizzazione del menù settimanale.  Con i fritti non bisogna esagerare e quindi è lo sgarro che ogni tanto decidiamo di concederci.

La cucina napoletana, quella antica, tradizionale, lo ribadiamo da un po, è una cucina di recupero dove vige il comandamento “Non si butta via nulla”!

Pane cafoneSe le nostre mamme decidevano di fare la mozzarella in carrozza una sera, regalarci un piatto sfizioso, che sapeva di festa e di cibo proibito prima che arrivassero i fast food, era perché in frigo era rimasta qualche fetta di mozzarella del giorno prima, asciutta ma ancora buona, perfetta per questo piatto.

Il pane sulle nostre tavole, specialmente nei paesi vesuviani, è solo uno: la palatella di pane cafone di San Sebastiano, e il pane si sa è sacro, non si butta mai. Insomma il matrimonio tra pane e mozzarella, per dar vita alla Mozzarella in carrozza, è una di quelle unioni vincenti che nemmeno il miglior Don Abbondio della gastronomia potrebbe provare a sciogliere.

Qui semmai l’unica cosa che si scioglie, ma bisogna fare attenzione, è la mozzarella, che deve filare proprio come succede nel famoso supplì al telefono della tradizione romana.

mozzarellaIngredienti semplici quindi, purché di grande qualità: una bella mozzarella, anzi per una riuscita perfetta, meglio optare per un fior di latte, sempre di qualità s’intende, magari di Agerola, e un pezzo di pane cafone cotto a legna.

Vediamo insieme come realizzare la Mozzarella in carrozza, potete servirla sia come antipasto, perfetto come finger food oppure come secondo in una cena casalinga, accompagnato da un’insalata sfiziosa.

Gli ingredienti per la Mozzarella in carrozza

8 fette di pane cafone raffermo (al massimo di 2 giorni)

300gr di latte

300gr di mozzarella o fior di latte (messo a scolare il giorno prima)

1 uovo

pangrattato

olio per friggere

sale

Come prepararla

Private le fette di pane della crosta (non gettatele, se avete un tritatutto potete farne pangrattato utile per la ricetta stessa). In un piatto fondo versate il latte e imbevetevi le fette di pane qualche secondo per lato, poi schiacciate leggermente per scolare il latte in eccesso.

Affettate la mozzarella o il fior di latte che avrete lasciato a riposare il giorno prima fuori dal liquido di governo. Sistemate una fetta di mozzarella tra due fette di pane, ripassatele nell’uovo sbattuto con un pizzico di sale,  poi nel pangrattato.

Friggete in olio abbondante, girandole con cura per far si che siano dorate da entrambi i lati. Scolatele su carta paglia e servite ancora calde.

Se ti è piaciuta questa ricetta ti piacerà anche quella delle Zeppoline

 

 

 

 

 

Next Post

El capitone en Nápoles: entre fritura y superstición

Dom Nov 8 , 2020
La capital de Nápoles es uno de los platos emblemáticos de la cocina navideña. Pero, ¿por qué los napolitanos están tan apegados a este pez...?
El capitone