Coronavirus: riaprono le discoteche

Il 15 Giugno riaprono le discoteche. Per proseguire sulla scia di riaperture, il governo ha dato l’ok per tutte le strutture rimaste fuori dall’ultimo DPCM. Riapriranno quindi anche cinema, teatri, sagre, fiere e centri estivi per bambini. Ci saranno ovviamente numerose restrizioni, oltre alla distanza sociale. Su tutte nei cinema e teatri sarà vietato il consumo di bevande e cibi nel corso degli spettacoli. Quelle che destano maggiori perplessità sono ovviamente le discoteche. Infatti sono luoghi di chiari assembramenti, e di conseguenza vi sono già delle restrizioni molto importanti.

Infatti saranno pronte solo quelle all’aperto, dove comunque “si devono riorganizzare gli spazi, per garantire l’accesso in modo ordinato e garantire almeno 1 metro tra gli utenti e almeno 2 metri tra chi accede alla pista da ballo. Se possibile si devono organizzare percorsi separati per l’entrata e l’uscita“. Tutti accorgimenti per evitare il rischio di assembramenti pericolosi per la trasmissione del virus. Inoltre, chi vuole ballare potrà farlo solo “negli spazi esterni come giardini e terrazze”, negli ambienti al chiuso vigerà sempre l’obbligo di mascherina ed anche all’esterno tutte le volte che non sarà possibile rispettare la distanza interpersonale di 1 metro. Il personale di servizio deve utilizzare la mascherina”.

Insomma, manovre importanti ma che lasciano parecchi dubbi sull’effettiva fattibilità di essi. Perché non sarà facile tenere sotto controllo tutti questi fattori, e la buonafede forse è una garanzia troppo fragile per consentire almeno attualmente tale riapertura. Inoltre sorgono spontanee delle domande: qual è il criterio delle riaperture? Perché consentire la ripresa delle discoteche e non quella del calcio amatoriale? Il virus riconosce la differenza tra attività? Si spera che il governo possa attuare le decisioni più giuste e coerenti per il nostro paese.

AGGIUNGI IL NOSTRO RSS ALLE TUE PAGINE

ISCRIVITI ALLA PAGINA FACEBOOK

SEGUICI SU INSTAGRAM

ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE YOUTUBE

ISCRIVITI AL GRUPPO FACEBOOK

LINK AL SITO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Musica, CantaNapoli: Malafemmena

Mer Giu 10 , 2020
Malafemmena. Torna ancora una volta, la rubrica  del Corriere di  Napoli dedicata alla storia della canzone napoletana, CantaNapoli. Oggi racconteremo uno dei brani più affascinanti della cultura partenopea, “Malafemmena”. Scritta nel 1951 da Antonio de Curtis, conosciuto come Totò, partecipò alla gara del celebre “Festival di Piedigrotta” dello stesso anno. Fu resa […]
malafemmena