Food, Ricette: Ziti lardiati

Piatto simbolo della cucina tradizionale napoletana, i ziti lardiati sono sì un piatto povero, ma certamente ricco di sapore! Prepariamoli insieme…

Piatto simbolo della cucina tradizionale napoletana, i ziti lardiati sono sì un piatto povero, ma certamente ricco di sapore! Il Corriere di Napoli torna come tutte le domeniche con le ricette del territorio e in questo fine di settimana siamo pronti a segnalarvi un pasto ottimo e semplice, con pochi ingredienti, da proporre nei prossimi giorni!

Prima di cominciare, però, leggi anche la nostra ultima ricetta: Food, Ricette: La pizza rustica

ricetta ziti lardiati
foto RicettaSprint.it

Come molte delle ricette tradizionali, anche la pasta lardiata ha una ricetta diversa per ogni famiglia. Ognuno la adatta a proprio piacimento (più o meno lardo, più o meno pomodoro…); esistono varianti in bianco, con il pomodorino o con la passata. Elemento fondamentale è il lardo! Vediamo insieme come prepararla…

Ingredienti ziti lardiati per 4 persone

400 gr di ziti
1 kg di pomodori pelati
50 gr di lardo
50 gr di burro
3 cucchiai di olio
Parmigiano
Sale
Pepe

Procedimento

ricetta ziti lardiatiSu un tagliere tagliare il lardo a cubetti e soffriggerlo nell’olio e burro. A questo punto unire i pomodori e cuocere il tutto per circa mezz’ora. Intanto far bollire l’acqua e calare la pasta fino a raggiungere una cottura al dente. Scolare la pasta e condirla con il sugo precedentemente preparato. Aggiungere molto parmigiano grattugiato e spolverare con del pepe.

Servire! 

 

Se questa ricetta ti è piaciuta, non perderti i nostri aggiornamenti:
Aggiungi il nostro RSS alle tue pagine
Iscriviti alla pagina Facebook 
Seguici su Instagram
Seguici su Twitter
Iscriviti al nostro canale YouTube

One thought on “Food, Ricette: Ziti lardiati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

#AroundTheCulture: Le modelle per un giorno del Pascale

Dom Giu 7 , 2020
Ieri, 6 Giugno 2020, le donne dello staff dell’ospedale Pascale di Napoli hanno vestito i panni delle modelle per un giorno. L’idea rientra nell’ambito di un’iniziativa più ampia: ‘VESTITI d’Arte per la Ricerca’. A dipingere gli abiti in questione è stato Alessandro Ciambrone, architetto di Castelvolturno e pittore per caso. […]