31.5 C
Napoli
mercoledì, Luglio 6, 2022

La sirena Partenope: tra mito, simbolo e attualità

Molte sono le versioni narrate nel corso dei secoli sulle origini della città di Napoli, che di volta in volta si arricchiscono di dettagli e particolari; forse frutto della fantasia dei narratori. Tra le diverse versioni, sicuramente la più amata e diffusa è quella della sirena Partenope. Simbolo della città di Napoli, nell’Odissea di Omero, fino alle pagine di Petrarca e Boccaccio.

Napoli, come il canto della sirena, ancora oggi, ammalia con il suo fascino, anche l’osservatore più lontano.

Partenope: la nascita del mito

Il primo e più antico racconto, risale ad oltre 3500 anni fa, con l’Odissea; dove si racconta della sirena Partenope, che viveva tra le rocce della città.

C’è chi le definisce metà donna e metà pesce e chi invece la descrive come una figura metà donna e metà uccello. Nella mitologia antica, le sirene erano le tre figlie del dio-fiume Acheloo e della musa Melpomene: Ligea, suonatrice di lira, Leucosia, suonatrice di flauto ed infine Partenope, dalla voce straordinaria.

La loro bellezza era immensa quanto la loro malvagità; passavano le giornate ad attirare e catturare i marinai con i loro canti, per poi cibarsene. Quando Ulisse approdò sulle coste della città, sebbene ammonito del pericolo dalla maga Circe, mise in atto un espediente per sfuggire al canto delle sirene.

Si fece legare all’albero maestro della nave e raccomandò i suoi uomini di non slegarlo, per nessuna ragione. Deluse dal fallimento, le tre sirene si suicidarono, schiantandosi sugli scogli. Il corpo di Ligea fu condotto nel golfo di Santa Eufemia in Calabria, quello di Leucosia nella zona a sud di Salerno, dove diede vita a Punta Liscosa, mentre Partenope, che aveva scelto di gettarsi dalla roccia più alta, fu condotta fino all’isolotto di Megaride, dove oggi sorge Castel dell’Ovo.

Qui, venne ritrovata da alcuni pescatori che battezzarono il villaggio con il suo nome. Così, il suo corpo si dissolse dando vita al profilo del Golfo di Napoli, con Capodimonte, che è la testa di Partenope, e Posillipo, dove poggia la sua coda.

La fanciulla innamorata

Se la storia descrive Napoli fondata dai Greci, il mito invece ne dà una versione differente. Un racconto che non sembra poi così lontano dalle storie moderne, dove l’amore, spesso contrastato dalle differenze culturali, cerca di sfuggire dalle convenzioni sociali e alle imposizioni familiari.

Una figura in questo senso, quella di Partenope, attuale e contemporanea, che ben rappresenta purtroppo alcune delle realtà più radicate del territorio napoletano. Il mito greco vede protagonista, una fanciulla greca; leggenda ripresa dalla scrittrice napoletana Matilde Serao, che nelle sue “Leggende”, racconta di Partenope, una ragazza innamorata dell’eroe ateniese Cimone.

Promessa dal padre in sposa ad un altro uomo, Partenope abbandonò la Grecia con il suo amato per giungere fino al golfo di Napoli: qui, i due amanti, liberi di vivere il loro amore, raggiunti dalle rispettive famiglie, diedero origine alla civiltà partenopea. Partenope diede alla luce ben dodici figli, divenendo la madre del popolo napoletano.

La sirena Partenope e il Vesuvio

La terza versione risale al 1800: ulteriore protagonista della storia entra in gioco, il Vesuvio. Secondo questa versione, Partenope era una sirena che viveva lungo le coste del golfo di Napoli: un giorno, le si avvicinò un centauro, Vesuvio e, a seguito di un dardo scagliato da Eros, i due si innamorarono perdutamente.

La loro felicità fu stroncata da Zeus che, innamorato di Partenope, decise di separarli per sempre: Vesuvio fu trasformato in un maestoso vulcano e confinato all’estremità del golfo, in modo tale che la sirena potesse vederlo senza mai poterlo toccare. Partenope non potendo sopportare il dolore si uccise: il mare condusse il suo corpo fino all’isolotto di Megaride, da cui nacque il Castel dell’Ovo e tutta la nostra città.

La Fontana di Partenope: simbolo delle Universiadi napoletane del 2019

Le Universiadi svolte nel capoluogo campano, lo scorso luglio 2019, hanno visto protagonista proprio la statua di Partenope e l’omonima fontana nella zona di Mergellina, in Piazza Sannazzaro. Il presidente della Regione Vincenzo De Luca spiegò così la scelta: «La sirena Partenope è uno dei simboli gentili, belli e storicamente significativi di Napoli. Mi pare che abbiamo imboccato la strada giusta».

Tra i candidati in un primo momento, la figura di un Pulcinella moderno, colorato e con un pallone da calcio tra i piedi; e un disegno della sirena Leucosia, sorella di Partenope, che abitava le acque del Golfo di Salerno, ritratta con un cerchio ed una palla da ginnastica ritmica, occhialini da nuotatrice, e maglietta con il logo dei giochi.

Il nuovo progetto di Partenope 

Lo scorso 6 Febbraio 2021, nella casa-museo di via Santa Teresa degli Scalzi, lo scultore Giuseppe Canone ha presentato ufficialmente il progetto della statua della sirena Partenope, che potrebbe essere installata sulla sommità di Monte Echia.

Oltre 4 metri l’altezza dell’opera che sarà così visibile anche dal mare e simboleggerà la rinascita di Monte Echia; e che rientra nel progetto di riqualificazione dell’area. Un importante imprenditore napoletano, che ha preferito mantenere per il momento l’anonimato, finanzierà completamente i lavori.

La statua sarà realizzata in uno stabilimento di Vicenza, l’unico in Italia attualmente in grado di fondere in un solo blocco una statua di bronzo di così grandi dimensioni.

Potrebbe interessarti:

A guardia della città: i castelli di Napoli

Articoli Correlati

1 COMMENTO

I commenti sono chiusi

I NOSTRI SOCIAL

2,226FansLike
2,660FollowersFollow
51FollowersFollow
34SubscribersSubscribe

Articoli Recenti