Water Neapolis: a tu per tu con Marco Del Lungo

Il portiere dell’Italia di pallanuoto Marco del Lungo racconta ai microfoni del CdN la sua esperienza con la nazionale e la vittoria del mondiale del 2019.

Il giorno dell’anniversario della vittoria del mondiale a Gwanju, Marco del Lungo si racconta ai microfoni del Corriere di Napoli.

Ciao Marco e grazie di essere qui. Per prima cosa volevo chiederti come è andato il collegiale con la nazionale appena terminato.

-Ciao Matteo e grazie dell’invito. È stato il collegiale più lungo della storia, siamo stati due mesi qui in Sicilia e ci ha fatto bene. Riprendere non è stato facile, ma grazie a Sandro e tutti i preparatori abbiamo ritrovato la forma.

-Oggi è l’anniversario del mondiale vinto l’anno scorso in Corea. Mi racconti qualcosa di quel mondiale?

-La fase a gironi non è stata facile. Non abbiamo approcciato bene alle gare e Sandro era talmente arrabbiato che, alla fine dei gironi, andammo a mangiare tutto insieme e lui non venne. Il giorno dopo ci fece allenare in una piscina che distava un’ora e mezza dal nostro albergo. Da lì siamo cambiati e siamo arrivati all’obiettivo finale.

-La tua carriera è iniziata a Civitavecchia, per poi spostarsi a Brescia. Cosa hai imparato da queste esperienze?

-Civitavecchia è una delle migliori scuole di pallanuoto italiane. Sicuramente ho imparato la dedizione al lavoro e la costanza. Brescia mi ha fatto maturare è da 9 anni a questa parte, anno dopo anno, imparo sempre cose nuove da un allenatore bravissimo come Sandro Bovo. Ma anche dalla nazionale si impara tantissimo, sia dai tuoi compagni che dagli avversari.

-Durante il collegiale ti sei allenato con un grandissimo come Stefano Tempesti. Sei stato il suo secondo per tanti anni e sei attualmente il suo successore. Cosa hai imparato da lui?

-Stefano è una leggenda vivente, da lui ho imparato tantissimo. Essere stato il suo secondo mi ha dato l’opportunità di capire come muovermi, come comandare la difesa. Devo tanto a Stefano.

-Quale è il sogno di Marco del Lungo?

-Per scaramanzia non te lo dico. Sono una persona molto scaramantica. Il sogno personale è vedere la pallanuoto tornare a grandi livelli sia per quanto riguarda le società che per le strutture.

Potrebbero interessarti

Water Neapolis con Amaurys Perez
Water Neapolis: a tu per tu con Francesco Postiglione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

L' XI del Napoli 2020/2021

Mer Lug 29 , 2020
Sono in molti a chiedersi quale sarà la formazione, l’ XI ideale, del prossimo Napoli nella stagione 2020-2021, dopo la quasi ufficiale permanenza di Rino Gattuso come allenatore della squadra partenopea. Tutto dipenderà dal calcio mercato. Il mercato: la situazione Viste le ultime prestazioni, uno dei primi a potere lasciare […]