Scugnizzeria: “I libri ecologici” al G20

La storia dei libri ecologici della “Scugnizzeria” sbarca al G20, grazie a un invito da parte del ministro dell’ambiente Costa nei confronti dello scrittore e attivista Rosario Esposito La Rossa. <>

Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha annunciato una novità del prossimo G20, che ha un taglio tutto napoletano. Durante una visita nella sede della “piazza di spaccio creativo” dell’area nord di Napoli, al confine tra il quartiere di Scampia e il comune di Melito, il ministro ha dichiarato che Rosario Esposito La Rossa porterà la sua “Scugnizzeria” al Gruppo dei 20.

La Scugnizzeria di Scampia al G20

Difatti, lo scrittore e attivista, vincitore del premio Luisa Minazzi come ambientalista dell’anno 2020, racconterà la storia della prima libreria/spazio creativo di Scampia. “Voglio che raccontino la loro storia alle altre periferie, alle altre città d’Italia e d’Europa” ha comunicato Costa. “Chiedo a Rosario e a tutti i protagonisti di questa esperienza di raccontare che quello della “Scugnizzeria” è un modello replicabile, dove la cultura fa rivivere interi quartieri grazie alla bellezza. Li ho invitati a raccontare la loro storia al G20, in sede di conferenza delle parti mondiali sul Climate Change in programma nel 2021 in Italia”.

Metteteli sotto terra e fioriranno!

Il progetto editoriale ecocompatibile è costituito da un insieme di libri, tutti editi dalla casa editrice Marotta&Cafiero, a tutela dell’ambiente. Come ha spiegato Esposito La Rossa: “Sono biolibri stampati a km zero, quindi favorendo le aziende locali, su carta riciclata certificata senza l’abbattimento di alberi, con l’utilizzo di inchiostri non inquinanti a base vegetale, colle senza plastificanti in amido di mais. Sono libri al 100%. Ci piace dire che, se a qualcuno non piacciono i nostri libri, può metterli sotto terra e fioriranno”. 

La Rossa: una persona speciale

Il ministro Costa, inoltre, descrive lo scrittore e attivista come “una persona molto speciale, il suo progetto lo è”. La Rossa, oltre alla pubblicazione dei suoi libri ecologici, organizza corsi ed iniziative culturali. Egli mette a disposizione uno spazio che si apre alla comunità, in cui si fa radio. Si tratta di un luogo restituito alla cittadinanza, frequentato da ragazzi e persone di ogni fascia sociale ed età. La libreria di La Rossa “ha come caratteristica di base l’inclusività: non giudicare nessuno e dare un’opportunità a tutti”. Viene attuata persino l’iniziativa dei libri sospesi, cioè lasciati in dono all’esterno della Scugnizzeria per i bimbi ed i ragazzi più timidi.

La Scugnizzeria in tutta Italia

“Mi è piaciuto entrare nella carne viva di questa esperienza. Abbiamo approfondito molto con Rosario Esposito La Rossa e lo staff su qualcosa di concreto che possiamo fare. Ho chiesto a Rosario e a tutti loro: mi date una mano a raccontare la vostra storia, ma principalmente a rappresentare in altre parti d’Italia che questo è un modello replicabile?”. Queste le parole di Costa, commentando l’iniziativa. “[…] Far rivivere la cultura in quartieri che si considerano a volte in modo sbagliato come fuori dal mondo quotidiano e invece sono ricchi di bellissime persone e grandi possibilità. Io credo che questo, senza nessuna retorica, dobbiamo raccontarlo”.

Ti potrebbe interessare:

La misteriosa benefattrice del “Luigi Vanvitelli”

Next Post

Una personale per Antonio Corradini: la Pudicizia o Verità velata

Mer Dic 23 , 2020
Nella Cappella Sansevero non c'è solo il Cristo Velato, ma anche la Pudicizia di Antonio Corradini, una statua voluta dal Principe di Sansevero, Raimondo di Sangro, per celebrare la madre e la propria ricerca del sapere.
Corradini