25.4 C
Napoli
lunedì, Agosto 15, 2022

Una personale per la Casina vanvitelliana, il falso mito della casa di Pinocchio

Adesso, con l’avvicinarsi delle belle giornate cosa c’è di meglio di stare all’aria aperta, magari un una location favolosa come quella della Casina Vanvitelliana ?

La Casina: per la caccia e per gli ospiti

Quello splendido esempio di architettura barocca che è la Casina Vanvitelliana è stata realizzata nel 1782 da Vanvitelli che, su ordine di Ferdinando IV realizzò questo casino di caccia. La realizzazione di questa piccola residenza è riconducibile a un processo di valorizzazione dell’area del lago Fusaro iniziata nel 1752 quando l’intera area venne destinata alla caccia e alla pesca della famiglia reale. Fondamentalmente si tratta di una residenza di caccia che, ben presto, venne destinata anche alla residenza di ospiti illustri che così potevano rimanere nelle vicinanze di Napoli senza però rinunciare alla propria riservatezza. Nel tempo si sono susseguiti diversi ospiti illustri come Francesco II d’Abrurgo – Lorena, Gioacchino Rossini e Luigi Einaudi.
Casa-Vanvitelliana-Lago-Fusaro-Bacoli-Napoli-Cosa-Vedere-Come-Arrivare

La struttura della Casina Vanvitelliana è peculiare: si tratta di una fabbrica composta di due corpi ottagonali che si intersecano con un terzo corpo più grande al centro, con un finestre disposte sui due livelli. La struttura settecentesca per la finezza della propria realizzazione e per lo stile degli arredi non ha nulla da inviare alla Reggia di Portici, a Capodimonte o a Palazzo Reale, l’unico fatto realmente differente sono i volumi dell’edificio, volutamente più contenuti data la sua natura privata rispetto alle altre residenze borboniche della zona.Casina-vanvitelliana-interno-7070980

Il cinema e Pinocchio

La Casina per la sua particolarità è stata anche al centro di diverse produzioni cinematografiche come Luca il contrabbandiere di Lucio Fulci e il recente film storico Ferdinando e Carolina di Lina Wertemuller. Erroneamente per molti, principalmente della tradizione culturale napoletana, la si è identificata come una delle location de Le avventure di Pinocchio di Luigi Comencini del 1972. Nel film la Fata Turchina  interpretata da Gina Lollobrigida porta Pinocchio a casa sua, una grande casa palafitta che nella realtà si trovava in provincia di Viterbo. Per quanto riguarda le scene degli esterni queste vennero girate a Lido di Saline di Tarquiniae nel Lago di Martignano. L’elemento che può trarre in inganno è sicuramente la natura palustre della zona, dato che la casina e la struttura del ponte furono imagesrealizzate appositamente per il film e oggi non esistono più . Tra le altre cose, la struttura stessa della casa di Pinocchio è in stile liberty e semplice rispetto a quella complessa e barocca del lago Fusaro.

 

Domenico Morra
Domenico Morra
L'esperienza maturata nell'attività di tirocinio mi ha permesso di sviluppare una buona capacità di relazione con il pubblico oltre che una conoscenza della sistemazione e catalogazione dei materiali ivi contenuti e l'organizzazione di una biblioteca archivio a uso universitario/ specialistico. L'esperienza come autore di articoli d'attualità e cultura invece mi ha permesso di sviluppare senso critico e di analisi delle mondo attuale, cosa che spesso manca la giorno d'oggi. Sono una persona attenta ai dettagli e predisposta a affrontare i problemi, sostanzialmente in linguaggio lavorativo "capacità di problem solving". Ho una formazione in ambito umanistico, rivolta agli studi storici e dell'arte, con esperienze di lavoro con il pubblico. Nel tempo ho maturato competenze: nell'ambito della scrittura on-line su piattaforma wordpress e SEO, ho scritto per Eroica Fenice e attualmente per Blasting News; penso di avere buone doti organizzative, mi sono occupato delle trasferte e viaggi della fashion designer Annarita Turco, https://www.instagram.com/a2narita/ .

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci qui il tuo nome

I NOSTRI SOCIAL

2,226FansLike
2,660FollowersFollow
50FollowersFollow
34SubscribersSubscribe

Articoli Recenti