9.4 C
Napoli
giovedì, Dicembre 1, 2022

Una personale per Pio Monte della Misericordia, Battistello Caracciolo e la Liberazione di San Pietro

Il Pio Monte della Misericordia custodisce un gran numero di dipinti che, realizzati per quella sede non l’hanno mai abbandonata, tra questi vi è anche la Liberazione di San Pietro di Battistello Caracciolo.Liberazione-san-pietro

Inizialmente Battistello non aveva la commissione di quest’opera, che invece era affidata a Carlo Sellitto che però morì prematuramente a 33 anni. Nel 1614 la commissione del San Pietro venne affidata a Battistello da Giovan Battista Manso come indicato anche dagli archivi dello stesso Pio Monte.

La liberazione di San Pietro

Il soggetto del dipinto è un evento degli Atti degli Apostoli 5,19: San Pietro liberato dalla carcerazione da un angelo cammina tra i carcerieri addormentati. L’episodio è un chiaro riferimento a uno degli atti di misericordia: la visita ai carcerati. Naturalmente, una si fatta menzione è collegata alle attività del Pio Monte che si occupava non solo degli aiuti di indigenti, malati e riscatto degli schiavi, ma anche del supporto a chi era nelle carceri.

Battistello e i richiami al Caravaggio

La rappresentazione iconografica dell’episodio pesca a piene mani da quella delle Opere di Misericordia di Caravaggio presente nella stessa chiesa del Pio Monte. L’opera di Merisi e di Caracciolo si inseriscono in uno scenario in cui, artisticamente, fecero storia imponendosi come due delle tele più incisive del Seicento napoletano e italiano.PioMonteMisericordiaNaplesLa scena è un notturno in cui San Pietro cammina tra i soldati romani addormentati che avrebbero dovuto far la guardia alla sua cella. L’ambientazione notturna con una sola luce fioca a illuminare la scena, frontalmente all’uomo e all’angelo che lo accompagna, sembra quasi indicare la via della luce,

della salvezza da seguire per uscire dalle carceri.

I colori predominati sono il bianco dell’angelo che spicca sullo sfondo scuro, e il rosso della tunica di Pietro e di un soldato romano nudo in terra, chiaro rimando a quell’ignudo presente nel dipinto di Caravaggio.
Liberazione-san-pietroSecondo Tomaso Montanari, importante storico dell’arte, riprendendo una nota scritta dall’incisore Charles-Nicolas Cochin in visita nella Napoli borbonica della metà del XVIII secolo il riferimento di Battistello non sarebbe alle Opere di Misericordia, bensì alla Resurrezione di Cristo sempre di Caravaggio. La Resurrezione di Caravaggio era un dipinto conservato nella chiesa di Sant’Anna dei Lombardi andato perduto a seguito del terremoto del 1805 che distrusse la chiesa. Secondo una nota di viaggio dell’incisore Cochin

il Cristo di Caravaggio incede tra le guardi addormentate come un colpevole che scappa dal carcere,

una scena non dissimile da quella creata da Battistello. Grazie a questo particolare l’opera di Battistello acquisisce un valore aggiunto permettendo di ricostruire, quantomeno iconograficamente, il dipinto perduto di Caravaggio.

Domenico Morra
Domenico Morra
L'esperienza maturata nell'attività di tirocinio mi ha permesso di sviluppare una buona capacità di relazione con il pubblico oltre che una conoscenza della sistemazione e catalogazione dei materiali ivi contenuti e l'organizzazione di una biblioteca archivio a uso universitario/ specialistico. L'esperienza come autore di articoli d'attualità e cultura invece mi ha permesso di sviluppare senso critico e di analisi delle mondo attuale, cosa che spesso manca la giorno d'oggi. Sono una persona attenta ai dettagli e predisposta a affrontare i problemi, sostanzialmente in linguaggio lavorativo "capacità di problem solving". Ho una formazione in ambito umanistico, rivolta agli studi storici e dell'arte, con esperienze di lavoro con il pubblico. Nel tempo ho maturato competenze: nell'ambito della scrittura on-line su piattaforma wordpress e SEO, ho scritto per Eroica Fenice e attualmente per Blasting News; penso di avere buone doti organizzative, mi sono occupato delle trasferte e viaggi della fashion designer Annarita Turco, https://www.instagram.com/a2narita/ .

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci qui il tuo nome

I NOSTRI SOCIAL

2,226FansLike
2,660FollowersFollow
52FollowersFollow
34SubscribersSubscribe

Articoli Recenti