30.9 C
Napoli
martedì, Luglio 5, 2022

‘e Pentite e le misogine “Case di Redenzione”

È ancora notte mentre il corteo d’‘e Pentite scende da Vico II Foria, dove si trova la “Casa di Redenzione”, verso il Borgo di Sant’Antonio Abate. Si radunano in piccoli gruppi recitando l’Ufficio delle Lodi. Siamo a metà Settembre del 1920, l’aria è appena frizzante e porta dentro di sé il profumo del mare e l’idea della libertà. Qualche finestra inizia ad aprirsi sulla strada e le scarmigliate matrone si affacciano facendosi il segno della croce in direzione delle ragazze velate. Il mercato che anima la strada è già desto da tempo. Tutti gli ambulanti si affrettano ad accaparrarsi un pezzo di “spazio vitale” sull’acciottolato per esporre la loro mercanzia. Lo fanno in silenzio perché ‘e Pentite impongono di tacere solo con la loro mesta presenza. Intanto è sorto il sole e la più anziana del gruppo, detta “la pacchiana” intona ad alta voce un canto:

Susiteve, ca chisto è ‘o primmu sabbato d’ ‘a Maronna, scetateve! (“Alzatevi, che questo è il primo sabato della Madonna. Svegliatevi!”)

La tradizione dei “dodici Sabati dell’Immacolata” detta “Prucessione de’ Pentite”

Aveva inizio così la  tradizionale devozione dei “dodici Sabati dell’Immacolata“. Rito espiatorio collettivo ribattezzato dai napoletani come ” ‘a prucessione de’ Pentite“. Così venivano chiamate le donne “traviate” o le ragazze “sedotte e abbandonate“. Affidate alle cure dei padri teatini fin dal 1631. Ospitate nel convento di Santa Maria Avvocata dei peccatori al vico II Foria a Napoli.

La sede conventuale (che attualmente ospita un centro di accoglienza diocesano per le persone senza fissa dimora) fu costruita grazie ad una donazione che il nobile Diomede Carafa fece ai frati di San Gaetano Thiene. Gli stessi frati che percorrevano il quartiere a luci rosse della Imbrecciata (zona della città a ridosso delle mura di cinta orientali in cui era consentito il meretricio), cercando povere peccatrici da redimere. Le ex prostitute, che accettavano l’ospitalità del convento, ricevano un’istruzione e avevano la possibilità di prendere i voti oppure di essere avviate al lavoro.

La soppressione dell’istituzione e la nascita delle “case di redenzione

Questa pia istruzione fu chiusa nel Decennio Francese (1806/16) grazie al decreto di soppressione degli ordini religiosi. Il convento di Foria fu destinato ad ospitare un opificio che produceva cordami.
Dopo la Restaurazione Borbonica l’opera di redenzione continuò. I frati teatini lasciarono il posto ad una associazione laicale sotto l’egida della Corona, dedicata alla Madonna del grande trionfo sul peccato. Anche i soggetti da redimere cambiarono. Infatti se prima ad essere accolte era soprattutto “le lupe di mestiere“, adesso ci si rivolgeva esclusivamente alle figlie della Borghesia o della Piccola Nobiltà “cadute in errore.
I bambini nati da unioni non legittime venivano abbandonati in orfanotrofi come quello della Annunziata.  Le madri espiavano le loro “colpe amorose” venendo coercitivamente rinchiuse in questa istituzione.

” L’Onore è salvo! “ affermazione simbolo dell’antico retaggio conservatore

Le famiglie salvaguardavano così il loro onore e pagavano una retta di mantenimento per la rieducazione della “pentita”. Anche considerando che la società di allora aveva una tassonomia dei valori molto diversa dalla nostra, questo non può giustificare le vessazioni ed il trattamento patito dalle “ospiti” di questa “Casa di redenzione“. Infatti se le “pentite rinunciavano di prendere i voti, venivano impegnate in estenuanti mansioni:
“Il duro lavoro manuale e la preghiera costante sono la condotta che bisognava tenere e che costituisce il cammino della redenzione verso i peccati del passato”
Col passare del tempo, questi ricoveri che erano stati concepiti solo come soggiorni di breve durata, si trasformano in veri luoghi di detenzione. Una bellissima canzone dell’inizio del Novecento, del poeta Libero Bovio, dal titolo ” ‘e Pentit narra la triste vicenda di una ragazza madre a cui i genitori hanno strappato il figlio e rinchiusa nelle Pentite. (seguendo il link, nella commovente interpretazione di Angela Luce, postata sul suo canale YouTube).

La definitiva chiusura in Italia

Solo negli anni Trenta del secolo scorso lo Stato mise fine a questo scempio disponendo la chiusura di tali “associazioni per la moralità” che operavano su tutto il territorio nazionale.  È di pochi anni fa la notizia del rinvenimento di una fosse comune, con oltre cento cadaveri di donne, ritrovata in Irlanda nel giardino di quella che era stata una Case Magdalene (istituzione molto simile a quella delle Pentite)
Chissà quante storie di dolore si celavano dietro quel “velo grigio”. Tutto in nome di una moralità malata, di una misoginia sessista che come un filo rosso attraversa la storia. Un filo rosso che, purtroppo, non è ancora stato reciso del tutto.
Antonio Nacarlo
Antonio Nacarlo
Antonio Nacarlo, nato a Napoli nel 1977, diploma d'arte applicata in grafica pubblicitaria e fotografia, diploma in Scenografia e Scenotecnica, Scuola libera del nudo Accademia di belle Arti. Premio alla carriera Associazione Italiana maestri d'arte, premio Città di Bruges, primo premio Città di Budapest, primo Premio Salvador Allende per la grafica. Pubblicazioni : annuario artistico italiano 2016, gazzettino del meridione novembre 2018, Art Now Numero di Novembre 2020, Associazione artartis 2021 catalogo mostra .

Articoli Correlati

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci qui il tuo nome

I NOSTRI SOCIAL

2,226FansLike
2,660FollowersFollow
51FollowersFollow
34SubscribersSubscribe

Articoli Recenti