Cappella Pappacoda: i misteriosi busti di Largo San Giovanni Maggiore

In pieno stile tardogotico, la Cappella Pappacoda con le sue misteriose teste si erge in Largo San Giovanni Maggiore: scopriamone la storia…

Torna un nuovo appuntamento con Discover Naples, la rubrica alla scoperta di curiosità, leggende e misteri di Napoli. Questa settimana la nostra passeggiata tra i vicoli della città ci porta direttamente in Largo San Giovanni Maggiore, alla scoperta della Cappella Pappacoda e delle sue misteriose “teste”.

Un monumento salvo per miracolo

In pieno stile gotico e realizzata in tufo giallo, la Cappella Pappacoda si erge in quel di Largo Giusso. Realizzata nel 1415 per volere di Artusio Pappacoda, siniscalco del re Ladislao I d’Angiò, la piccola chiesa ha una storia turbolenta. Sopravvissuta all’alluvione del 1569 che colpì la zona dei Banchi Nuovi, è uno dei pochi esempi di gotico nella città partenopea.

Seppur salvata dalla possibile distruzione, i danni non mancarono. Negli anni Settanta del Settecento la cappella subisce una grande perdita: a seguito di lavori di restauro, gli affreschi alle parti e l’assetto originario vengono persi. Sarà poi inserito un altare in marmo sul quale sarà posta una tela del Solimena raffigurante San Giovanni Evangelista, al quale è dedicata la costruzione.

Oggi la cappella è sconsacrata e chiusa al pubblico. È spesso utilizzata come sede per le sedute di laurea dell’Università L’Orientale, con sede nello storico Palazzo Giusso.

Quei famosi busti in marmo

busti cappella pappacodaGiunti in Largo San Giovanni Maggiore, è impossibile non restare affascinati da quello che è un raro esempio di gotico in città. Ciò che lascia particolarmente affascinati, oltre al maestoso portale in marmo con motivi floreali, sono sicuramente i frammenti di epoca romana riposti nelle bifore della torre campanaria.

Proprio tra questi resti riutilizzati nella costruzione, spiccano sulla facciata principale una grande testa in marmo biancoritratti di coniugi a mezzo busto. Mentre, su quella laterale, un rilievo funerario con la scena del Ratto di Prosperina ed una testa di Giunone.

Leggi anche Discover Naples, Palazzo Penne ai Banchi Nuovi: un patto oscuro

Next Post

Napoli nel Cinema: da Sophia Loren a Piazza del Gesù

Gio Feb 4 , 2021
Noi napoletani siamo inevitabilmente orgogliosi della nostra terra, specialmente quando la nostra bella Napoli fa da sfondo a film molto importanti. Guardiamo insieme quali sono!
Napoli nel Cinema