L’angolo dei videogiochi: un focus sul gioiello Microsoft

Un focus sul gioiello Microsoft. Presentato in pompa magna, la nuova XBOX mostra una rivoluzione senza precedenti rispetto alla sua predecessore.

L’angolo dei videogiochi. Un focus sul gioiello Microsoft. Ben tornati nel nostro appuntamento settimanale del giovedì. Settimana scorsa abbiamo parlato delle caratteristiche della nuova Playstation 5, una nuova macchina dove la capacità SSD e la fluidità sono il focus principale. Microsoft, con la sua nuova Xbox Series X ha scelto una strada diversa. Andiamo a vedere le caratteristiche tecniche.

SPECIFICHE TECNICHE

Microsoft si affida alla potenza. Quella cruda. Quella da capogiro. Rispetto alla generazione precedente, Xbox Series X rappresenta un equilibrio superiore tra potenza e velocità nel design avanzando su tutti i fronti tecnologici.

Xbox Series X è la console più potente mai alimentata dal processore personalizzato che sfrutta le ultime architetture Zen 2 e RDNA 2 di AMD. Offre una potenza di elaborazione quattro volte superiore a una Xbox One e consente agli sviluppatori di sfruttare le prestazioni di 12 TFLOPS di GPU (Graphics Processing Unit), il doppio rispetto a una Xbox One X e oltre otto volte la Xbox.
12 TFLOPS contro i 10 della concorrente Sony. Ma prossimamente spiegheremo in maniera approfondita perché, nel mondo videoludico, più potenza non significa necessariamente prodotto più performante.
Variable Rate Shading (VRS): consente agli sviluppatori di utilizzare in modo più efficiente la piena potenza di Xbox Series X.

GRAFICA: SALTO GENERAZIONALE

L’angolo dei videogiochi un focus sul gioiello Microsoft arriva anche sul comparto grafico, che diventa sempre più importante per i videogiocatori, preferendolo persino alle storyline (grave errore).

Xbox  è una console dedicata al 4K a 60FPS. Questo è l’obiettivo per Microsoft che sta già svolgendo dei test interni. In un recente Benchamark, Gears 5 gira in 4K 60FPS con dettagli ULTRA della versione PC e il 50% di effetti in più su alcune componenti grafiche, il tutto mantenendo frame rate stabile e risoluzione nativa.

La domanda da porsi è che tipo di Hardware deve possedere un concentrato di potenza del genere. Ebbene…

HARDWARE

L’Hardware fa paura. Poco da dire, poco da fare. Sembra un ottimo PC da gaming, con la comodità di una console. Abbiamo già visto GPU E CPU sopra, ma qui inseriremo un riepilogo:

  • CPU: 8 core Zen 2, 3,8 GHz (3,6 GHz con SMT)
  • GPU: 12 TFLOPS, 52 CU a 1825 MHz, architettura RDNA 2 personalizzata
  • Processo produttivo: 7nm enhanced di TSMC
  • Memoria: 16 GB GDDR6
  • Larghezza di banda della memoria: 10 GB a 560GB/s, 6 GB a 336 GB/s
  • Throughput I/O: 2,4 GB/s (raw), 4,8 GB/s (compresso)
  • Spazio d’archiviazione interno: SSD NVMe personalizzato da 1 TB
  • Spazio d’archiviazione espandibile: schede d’espansione da 1 TB
  • Lettore ottico: Blu-Ray 4K UHD
  • Obiettivo prestazionale: 4K a 60 FPS – fino a 120FPS

Potete ben immaginare che avere un treno di una certa prestazione in grado di girare stabilmente in 4k a 60 fps rappresenta un qualcosa di poco realizzabile fino a poco tempo fa per una console. Raggiungere vette a 120FPS rappresenta il salto generazionale, uno dei fattori principale che possono indurre a comprare la nuova generazione Xbox.

Aggiungi il nostro RSS alle tue pagine
Iscriviti alla pagina Facebook 
Seguici su Instagram
Iscriviti al nostro canale YouTube
Seguici su Twitter

One thought on “L’angolo dei videogiochi: un focus sul gioiello Microsoft

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Coronavirus, Gabrielli: nuova autocertificazione per i furbi

Gio Mar 26 , 2020
 Nuova autocertificazione per furbi  per gli spostamenti a causa del Coronavirus. Ad annunciarlo è stato Franco Gabrielli, capo della polizia, che ha precisato come la nuova certificazione per i furbi e coloro che non rispettano le restrizioni. Qui il nuovo modulo: https://www.ilmattino.it/uploads/ckfile/202003/_Senza%20titolo%20(2)_26142145.pdf (fonte Il Mattino). Il testo è stato modificato […]
Gabrielli: Nuova autocertificazione per i furbi