L’Armée Rouge: il documentario del napoletano Luca Ciriello

Direttamente dalla Costa D’Avorio, L’Armée Rouge del napoletano Luca Ciriello è in concorso al Festival dei popoli.

In anteprima assoluta, da giovedì 19 novembre su MYmovies, il documentario L’Armée Rouge del napoletano Luca Ciriello. <<Un’armata musicale>> dalla Costa D’Avorio e un regista napoletano: l’obiettivo è quello di salire sul podio del 61esimo Festival dei Popoli. 

Anteprima assoluta su MYmovies

Il documentario del regista Ciriello è in concorso al Festival dei Popoli (International Documentary Film Festival) e da domani sarà su MYmovies in anteprima assoluta dalle ore 15 fino al 26 novembre. Prodotto da Parallelo 41 Produzioni di Antonella Di Nocera e Lunia Film dello stesso Ciriello, il film è stato realizzato con il sostegno di MiBACT e di SIAE, e sviluppato nell’Atelier di cinema del reale FilmaP di Ponticelli.

Idrissa Koné e Birco Clinton

Il film è ambientato nei quartieri di Napoli Est, Ponticelli e il Vasto. E’ la storia di Idrissa Koné: un ragazzo determinato che vuole diventare il re del coupé décalé in Europa e per farlo ha creato un gruppo di combattenti dello show. Il ragazzo, in arte Birco Clinton, vive in un container di amianto con un sogno nel cassetto.

Un’armata dalla Costa D’Avorio

Arrivato in Italia nel 2014, Birco Clinton vuole diventare il re del coupé décalé, genere musicale della Costa D’Avorio nato a Parigi nel 2000. Per riuscire nel suo intento, ha creato l’armée rouge, una banda di ragazze e ragazzi avoriani che lo aiuta nell’organizzazione delle sue feste e nel supporto alla comunità avoriana di Ponticelli. <<Siamo un’armata dello show, noi non sappiamo fare la guerra, noi ci vogliamo solo divertire>> dice il protagonista. Tutti lo chiamano le Barouba (il re) di Napoli perché lui solitamente non balla mai durante le feste e si preoccupa soltanto di far tornare i conti a fine serata.

La dédicace di Birco

La dédicace è la festa annuale che ogni promotore di coupé décalé organizza nella propria zona e Birco per la festa di Natale vuole invitare tutti i personaggi più conosciuti all’interno della comunità ivoriana per far capire quanto sia bravo e conosciuto. Durante il film, Birco chiama più volte all’appello i suoi <<soldati per il duello finale>>, dicendo che <<non sarà uno scherzo>> e che <<tutti gli elementi della banda>> devono essere pronti per la battaglia.

I centri di accoglienza di Vasto

Nel Vasto ci sono vari centri di accoglienza per richiedenti asilo: qui, alcuni ragazzi lavorano alla giornata, altri organizzano piccole imprese, alcuni cadono nel giro della micro-criminalità e poi ci sono quelli che, come Birco, cercano di organizzare eventi, feste o piccole attività commerciali.

Sognando il coupé décalé

Luca Ciriello, regista e documentarista italiano, dichiara: <<La storia di Birco è principalmente la storia di un uomo che vuole trasformare il suo sogno in realtà, con determinazione e inventiva, un ragazzo di 27 anni che ha come modelli i fautori del coupé décalé avoriano nato a Parigi nei primi anni 2000. […] Il mio punto di vista narrativo parte da una prospettiva di osservazione dall’interno della comunità avoriana, un approccio anche linguistico ed antropologico in un film dove si parlano quattro lingue (nouchi, djoula, francese e italiano), che cerca di svelare meccanismi e strutture di un gruppo di persone che pochi conoscono o frequentano, un film ambientato in una Napoli non-vista, fatta di sottoscala trasformati in discoteche e container trasformati in case>>.

Un processo graduale di fiducia e conoscimento

Il regista afferma che, parlando francese e comprendendo il nouchi, <<ho tenuto lunghe chiacchierate con Birco e i suoi amici, restando in strada con loro, osservando la gente, scherzando e condividendo momenti delle nostre giornate. Attraverso un processo graduale di fiducia e conoscimento ho iniziato ad effettuare le prime riprese di ricerca e studio. […] Nel momento in cui ho deciso di filmare per realizzare L’armée rouge sentivo che la fiducia tra noi era salda e di conseguenza ho scelto di non dare indicazioni di azioni ai personaggi, seguendo piuttosto il flusso degli eventi e inserendo il mio punto di vista tra le trame delle loro esistenze>>.

Per l’anteprima su MYmovies: http://www.mymovies.it/ondemand/popoli/movie/larmee-rouge/

Per visualizzare il trailer: https://www.youtube.com/watch?v=GS3MF7vmwJQ&feature=youtu.be

Ti potrebbe interessare:

https://corrieredinapoli.com/2020/11/16/la-napoli-greca-restituisce-tesori-sconosciuti/

Next Post

La vita davanti a sé: Sophia Loren sogna l’Oscar

Mer Nov 18 , 2020
Dopo 70 anni di carriera e chilometri di pellicola nella cinepresa, Sophia Loren debutta anche in streaming, in contemporanea mondiale su Netflix, con La vita davanti a sé, per la regia di Edoardo Ponti.
Sophia Loren