Arte&Cultura, La vita indipendente di Mario Garofalo

Il 20 Febbraio 2020 presso La Tienda Equosolidale, Mario racconterà la sua condizione e la sua lotta per la “vita indipendente”, diritto di tutti.

Che cosa vuol dire “Vita Indipendente”? Probabilmente un concetto nuovo per chi può alzarsi dal letto la mattina autonomamente , per chi può prendersi un caffè senza bisogno di aiuto, per chi può scegliere se andare a mangiare fuori, al cinema, ad una mostra senza bisogno di di essere accompagnato.

Non è questo il caso di Mario Garofalo, trentaquattrenne di Fuorigrotta a cui la Vita Indipendente è stata negata. Aveva solo 16 anni Mario quando, tuffandosi dal pontile di bagnoli, ha cominciato a lottare.

La Tiendaequolidale vita indipendente

Il 20 Febbraio 2020 presso La Tienda Equosolidale  Mario racconterà la sua condizione e la sua lotta per i diritti, così come la

possibilità di essere finanziato per avere un’assistenza che gli consenta di realizzarsi come essere umano, come persona che ha necessità primarie tanto quanto interessi culturali e sociali.

Lo spazio eventi ARTienda (clicca qui per saperne di più) ospiterà Mario dalle 18:00, all’interno della galleria commerciale “Forum Scarlatti”. Ascolta la sua testimonianza e approfondisci perché la vita indipendente sia un diritto necessario che fatica ad affermarsi soprattutto qui al Sud.

Sud che resta tema fondamentale de La Tienda: la bottega infatti, si pone l’obiettivo di rappresentare, attraverso Napoli, tutti i Sud del mondo che la stessa città partenopea accoglie con immensa apertura e solidarietà!

Iscriviti alla pagina Facebook 
Seguici su Instagram
Iscriviti al nostro canale YouTube

 

One thought on “Arte&Cultura, La vita indipendente di Mario Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

News: 12enne denuncia stupro!

Mer Feb 19 , 2020
Una ragazzina 12enne di Boscoreale ha denunciato in queste ore casi di stupro ai suoi danni. I carnefici? Una gang di sei ragazzini di età compresa tra gli 11 e i 14 anni che avrebbero adescato la vittima tramite una chat. La bambina si è recata con i genitori presso […]