25.4 C
Napoli
lunedì, Agosto 15, 2022

“Tanti piccoli K”, il nuovo libro di Bruno Pezzella

Si terrà martedì 21 giugno  2022 alle ore 18 presso la Libreria Raffaello in Via Kerbaker, 35 a Napoli  la presentazione del libro di Bruno Pezzella “Tanti piccoli K” (Edizioni MEA).
All’incontro, moderato da Geltrude Vollaro (Edizioni MEA), dialogherà con l’autore Adolfo Mollichelli (Giornalista e Scrittore).
Tanti piccoli k

Sinossi

A metà tra memoria e lepida invenzione, leggere e folli storie di persone improbabili, provvisorie, invisibili, tanti piccoli “k” come Philip Roth definisce i protagonisti dei racconti di Kafka, o come i matti di Jack Kerouac “Quelli che non sbadigliano mai”.
Storie senza né tempo né spazio, “distanti” ma possibili, come in fondo lo sono tutti i luoghi fantastici della mente.
Insieme fanno un racconto più grande, un “ritorno” al piacere delle trame, un transito senza inizio né fine.

Cenni biografici

Bruno Pezzella è nato a Napoli. Docente e formatore, ha svolto attività di aggiornamento e specializzazione presso le Università: Federico II (SICSI e TFA); L’Orientale (CIRED); Suor Orsola Benincasa (Dipartimento di Sociologia), e per conto di enti di formazione pubblici e privati.
Ha collaborato per diversi anni ai quotidiani: ROMA, NAPOLINOTTE, IL MATTINO (Lettera Sud), NAPOLI OGGI; il mensile MERIDIANA; l’agenzia ROTO-PRESS; ha curato l’ufficio stampa di una organizzazione sindacale.
E’ autore di numerosi saggi monografici, libri di narrativa, testi di didattica e manuali sulla formazione.

Dice di sé

Sono laureato in giurisprudenza col massimo dei voti e la lode, sono un esperto di Didattica e di Didattica sperimentale. La scrittura colta, non quella di cronista o (anche ) critico, è nata da una scommessa fatta con me stesso: vediamo se sei capace di scrivere un romanzo. Ci ho messo sei mesi, ma per rimaneggiarlo 15 anni. E così è successo anche per quelli seguenti. Ovviamente, ne incominciavo, tre o quattro insieme.
Amo la letteratura concreta, moderna, sociale, scrittura rapida ed emotiva. Diciamo Steinbeck, Kerouac, Fante, Haruf, Roth. i sudamericani e gli spagnoli. Adoro l’italo–“portoghese” Antonio Tabucchi, uno dei maestri del Novecento. E un marsigliese sconosciuto, Jauffret. Un grandissimo scrittore.
Pamela Moi
Pamela Moi
Editor. Scrivo.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci qui il tuo nome

I NOSTRI SOCIAL

2,226FansLike
2,660FollowersFollow
50FollowersFollow
34SubscribersSubscribe

Articoli Recenti