30.3 C
Napoli
giovedì, Luglio 7, 2022

Montblanc a Napoli, tra innovazione e tradizione

Dopo aver avuto la possibilità di essere accolto nella nuova casa di Montblanc a Napoli, in via dei Mille 21-23, nasce la spontanea la curiosità di scoprire di più sul perché della scelta di cambiare luogo dopo 20 anni di Storia partenopea ma anche sul futuro di Montblanc e il nuovo percorso che ha intrapreso. Per l’occasione, abbiamo avuto l’opportunità di intervistare Paride Toma, Managing Director di Montblanc Italia.

Tanti i temi affrontati dal manager della casa di Amburgo. I grandi risultati e le sfide stimolanti del futuro sono alla base della filosofia di Paride Toma, che ha specificato la scelta del trasferimento di pochi metro della boutique in occasione dei 20 anni festeggiati lo scorso 21 dicembre. Un’occasione per regalare ai propri clienti una boutique tutta nuova nell’elegante zona partenopea ma soprattutto “per offrire un’esperienza di acquisto ancora più coinvolgente, progettando uno spazio che reinterpreta in modo inedito i codici e il DNA di Montblanc”. Un modo dunque per scoprire le caratteristiche di Montblanc attraverso un modo immersivo e multisensoriale come dimostrato anche dalla customizzazione degli accessori di pelletteria.

L’ambiente è stato creato in armonia con il contesto storico che lo circonda ed è caratterizzato dall’unione di elementi contemporanei ed eleganza classica che si fondono per esaltare la perfetta unione tra artigianalità e spirito pionieristico che caratterizza l’identità della Maison.

Napoli X Montblanc in Italia e nel mondo

La Maison nata nel 1907 ha ben 600 boutique in 70 paesi nel mondo ma Napoli rappresenta un polo importante attraverso la propria arte e la propria storia che si conferma anche attraverso i simboli e la vivacità creativa della città i cui valori sono condivisi dalla Maison. Ma non solo perché Napoli, come dichiarato dal Managing Director, rappresenta anche un dinamismo importante nel mondo del lusso che ha portato Montblanc e altri brand ad investire. Una realtà che attira soprattutto visitatori da tutto il mondo, fondamentale anche per Montblanc che punta proprio sul rapporto con la clientela:

Essere presenti a Napoli ci permette quindi di avere un rapporto diretto con la clientela locale che considerata la capillarità della distribuzione Montblanc rappresenta un asset centrale ma anche di entrare a contatto con clienti che arrivano dall’estero in un’ottica “glocal”.

I simboli partenopei come personalizzazione Montblanc

Visitando la nuova boutique Montblanc partenopea, balza subito agli occhi la presenza di colori e di personalizzazioni di ogni tipo. Da simboli più variegati a alle classici iniziali del nome e cognome passando soprattutto per simboli legati anche legati alla tradizione partenopea come “Pulcinella”. La vicinanza di Montblanc ai propri clienti è sensibile alla propria missione, ovvero “accompagnare i propri clienti sia durante le giornate lavorative che nel tempo libero aiutandoli ad esprimere il loro massimo potenziale attraverso i propri accessori”.

La customizzazione insomma diventa un servizio offerto in risposta al desiderio di esprimere la propria personalità, stile e riferimenti culturali e ciò avviene attraverso #MyMontblanc. La cui finalità è spiegata proprio da Paride Toma: “Abbiamo voluto rispondere a questa richiesta e dare spazio alla personalizzazione dei nostri accessori di pelletteria, coinvolgendo in maniera più diretta la nostra community e presentando sul mercato nuove collezioni in edizione limitata firmati da Amano, partner di Montblanc specializzato nella realizzazione di decorazioni dipinte a mano sulla pelle. Grazie a questo servizio, i nostri clienti possono davvero creare qualcosa di unico e che li rappresenta scegliendo disegni, simboli fino ad arrivare alle icone della cultura napoletana, come ad esempio “Pulcinella”.”

L’evoluzione continua di Montblanc secondo Paride Toma

La continua evoluzione di Montblanc è sinonimo di fedeltà rispetto alla propria identità ma soprattutto di uno sguardo a 360º verso la società e i propri clienti. In particolare verso i giovani: le nuove generazioni che sono parte integrante del futuro.

Il nostro obiettivo è quello di essere un punto di riferimento anche per i giovani e per tutti coloro che vogliono lasciare un segno nel mondo impegnandosi al massimo in ciò che li appassiona sia dal punto di vista lavorativo che personale. Vogliamo essere un’ispirazione e accompagnarli nel loro percorso attraverso i nostri accessori.

I progetti futuri di Montblanc

Non si ferma qui Montblanc, che vuole continuare a mostrare il proprio spirito pioneristico creando accessori funzionali e di altissima qualità in base alle necessità dei clienti. Paride Toma ci ha anticipato i prossimi progetti della casa tedesca: “A partire da marzo saranno presentate a livello internazionale le collezioni di pelletteria disegnate dal nostro nuovo direttore creativo Marco Tomasetta che reinterpretano in chiave contemporanea il DNA del brand e che troveranno spazio nella nostra nuova boutique partenopea. Ad aprile parteciperemo al salone dell’orologeria Watches&Wonders, che tornerà finalmente in presenza a Ginevra dopo due anni, dove presenteremo le ultime novità. Mentre maggio sarà un mese molto importante per il lancio di un nuovo progetto che si focalizzerà sull’Heritage della Maison”.

Montblanc resta al passo con i tempi e, passando per Napoli, continua ad espandersi nel mondo attraverso creatività e colori!

Mattia Esposito
Mattia Esposito
Sognatore e aspirante giornalista: perché non rendere poesia la vita?

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci qui il tuo nome

I NOSTRI SOCIAL

2,226FansLike
2,660FollowersFollow
51FollowersFollow
34SubscribersSubscribe

Articoli Recenti