20.1 C
Napoli
venerdì, Maggio 20, 2022

PETER WHITE – fuori da venerdì 21 gennaio “MILLISECONDI”, il nuovo album

Esce venerdì 21 gennaio “MILLISECONDI” (Epic/Sony Music Italy), il nuovo progetto discografico del giovane e talentuoso cantautore romano PETER WHITE.

La raccolta si compone di 12 tracce, di cui 7 inedite, e include i singoli “Ros蔓Gibson rotte”“Notti Amarcord”“Galleria Lungotevere” “Sabato sera, con cui l’artista ha dato un’anticipazione dell’album.

Con “MILLESECONDI” PETER WHITE torna a regalare le atmosfere romantiche e malinconiche che contraddistinguono la sua produzione artistica, raccontate attraverso un imprinting cinematografico che lo hanno reso tra le penne più apprezzate del cantautorato italiano di nuova generazione. Come suggerisce il titolo, l’artista canta, brano dopo brano, infiniti attimi cristallizzati nella mente, e con musica e parole, proprio come un fotografo con la sua fotocamera o un pittore con la sua tela, immortala il tempo conferendo autenticità e poesia ai luoghi – in particolare Roma – e ai momenti che costituiscono la sua quotidianità.

“MILLISECONDI” si apre con “Quasi mai”, un brano le cui parole si soffermano su quella costante sensazione di trovarsi in un limbo che impedisce di sentirsi davvero a casa e fanno trasparire la volontà di perdersi tra le strade e le luci della città in compagnia della persona amata.

Segue “Inizio Febbraio”, una traccia in cui domina il sentimento della nostalgia. Il titolo si riferisce a un momento passato all’interno di una vita sentimentale, che l’artista ripercorre attraverso descrizioni di vari attimi, con l’intenzione di volerli rivivere.

“Molotov”, invece, è un brano dolce che, all’interno dei suoi versi, racconta il dolore di un amore perduto. Il brano vede la collaborazione del giovane cantautore Clied, la cui voce si lega perfettamente a quella di PETER WHITE, conferendo al brano un ulteriore tocco poetico.

Il pezzo seguente, “Rosé”, in cui il cantautore ricorda i rari e preziosi momenti in cui si assaporano quei particolari, apparentemente insignificanti, che poi si insinuano nella mente senza andarsene più via.

La quinta traccia è “Anche tu”, un brano ricco di similitudini usate sapientemente per descrivere istantanee della vita quotidiana, fatta di svariati attimi. Tra questi, tuttavia, a rimanere impressi in modo indelebile nel cuore e nella mente dell’artista sono quelli vissuti con la persona che si ama.

In “Gibson rotte”, invece,il tema portante è la ricerca degli attimi perfetti della vita, che si rivela futile e che porta a riflettere su quanto sia più importante assaporare il presente.

In “Vans” torna il sentimento della nostalgia, questa volta innescata quando l’artista intravede la ragazza amata per strada e ogni suo dettaglio, anche il più semplice, come le Vans ai piedi, appare perfetto.

L’album prosegue con “Notti amarcord”, che si avvale del featuring con gli Zero Assoluto. È un brano malinconico che paragona l’improvviso ricordo di una storia d’amore ormai finita alla bellezza di una notte di mezza estate.

Il singolo successivo, “Galleria Lungotevere”, è invece una ballata introversa in cui PETER WHITE racconta i pensieri della gente che incontra camminando lungo le strade di Roma.

L’album prosegue con “Via Labicana”, un brano che si distingue per il suo beat incalzante, che tocca sonorità dance nel ritornello, pur mantenendo l’alone romantico nel parlato. Il titolo si riferisce alla via romana, tra le più antiche della capitale, in cui il cantautore si ritrova a vivere le sue emozioni.

Il pezzo seguente, “Sabato sera”, un brano intenso e romantico che si avvale della collaborazione del rapper Gemello.

“MILLESECONDI” si chiude con “Foresta pluviale”, che racchiude malinconia e nostalgia, descritte attraverso metafore chiare ed immediate, imprint della produzione artistica di PETER WHITE, che regala così all’album la sua degna conclusione.

La produzione di “MILLESECONDI” è interamente affidata a Niagara (Gabriele Fossataro) e Polare (Paolo Mari), che hanno impreziosito l’opera con la loro visione musicale. A conferire maggiore anima al progetto è stata poi la fase di scrittura e registrazione, avvenuta tra il 2019 e il 2022 in molteplici luoghi da cui PETER WHITE ha tratto ispirazione: dal Metropolitan al Kate Academy Studio, passando per varie case di Roma fino a Pereto, uno splendido borgo medioevale dell’Abruzzo.

La ricercatezza e l’attenzione nei minimi dettagli si evince, infine, dalla copertina dell’album e dalla serie di cover realizzate a mano, per ogni singolo brano, dai talentuosi grafici Lorenzo Miola Lorenzo Richetta, che hanno saputo tradurre in immagini le atmosfere evocate dalle parole del cantautore.

Tracklist 

  1. “Quasi mai”;
  2. “Inizio Febbraio”;
  3. “Molotov” feat. Clied;
  4. “Rosé”;
  5. “Anche tu”;
  6. “Gibson rotte”;
  7. “Vans”;
  8. “Notti amarcord” feat. Zero Assoluto;
  9. “Galleria Lungotevere”;
  10. “Via Labicana”;
  11. “Sabato sera” feat. Gemello;
  12. “Foresta pluviale”.

Peter White

Nato a Roma nel febbraio del 1996, Pietro Bianchi, in arte Peter White ha sempre amato scrivere e ha sin da piccolo nutrito una grande passione per il cantautorato. Tra i singoli maggiormente apprezzati spicca “Narghilè”, uscito come singolo nel 2018, che ad oggi conta oltre 19 milioni di stream su Spotify e ha ottenuto la certificazione di Disco d’Oro. Nell’aprile del 2019 Peter White esordisce con il suo primo album “Primo appuntamento”, anticipato da cinque singoli ufficiali e prodotto dai fedelissimi produttori Niagara e Polare. Dopo un’estate trascorsa in tour in tutta Italia, nel febbraio del 2020 torna sulle scene con il singolo “Poker”, in cui racconta la vita quotidiana dell’artista attraverso la metafora del gioco d’azzardo. Pochi mesi dopo pubblica Sabato Sera, in collaborazione con l’artista e amico romano Gemello, seguito a novembre 2020 dalla romantica e intensa Rosé, che riscuote un grandissimo successo di pubblico e di critica. A maggio 2021 escono i brani Gibson Rotte” e“Notti Amarcord”, quest’ultimo avvalorato dalla collaborazione con gli Zero Assoluto. Segue “Galleria Lungotevere”, pubblicato a ottobre dello stesso anno.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci qui il tuo nome

I NOSTRI SOCIAL

2,226FansLike
2,660FollowersFollow
51FollowersFollow
34SubscribersSubscribe

Articoli Recenti