Una personale per Christian Leperino: The Other Myself

Con the Other Myself Christian Leperino racconta il vissuto di 21 sconosciuti, persone comuni, immigrati, con un bagaglio di esperienze drammatiche dietro le spalle spesso taciuto di cui l’artista ci fa partecipi attraverso l’espressività dei loro volti. Questa scultura presente al Madre è a tutti gli effetti un tuffo nella vita altrui che spesso ignoriamo in cui lo spettatore difficilmente non troverà una somiglianza con sé stesso.

Artista napoletano, nato a Napoli, formatosi all’Accademia di Belle Arti di Napoli, figlio della città e del quartiere Ponticelli, Christian Leperino si è affermato come uno degli artisti che più ha sperimentato negli ultimi anni, attraverso varie tecniche, l’approccio ai disagi, i dubbi e le tensioni della sua generazione.

A corpo libero

Leperino ha sperimentato la pittura, la scultura e i nuovi media del video e della fotografia artistica e documentale per descrivere il “corpo dell’essere umano” vera superficie artistica che come un registro mantiene e descrive il vissuto della persona e quindi permette di descrivere le emozioni, le sofferenze, le esperienze. Sulla base di questo assunto si basano i primi cicli di pitture Rawe Off del 2001 dove descrivere attraverso la deformazione dei volti la percezione e l’esperienza di chi prende parte alle feste dell’eccesso, della segretezza e dell’illegalità dei rave party.

All’alba del nuovo millennio Christian porta avanti una serie di pitture in cui l’inquietudine la fa da padrone, dove viene messa in discussione la stessa presenza dell’uomo, se con Cityscapes, all’interno del ciclo pittorico Human Project, descrive i paesaggi pieni di fumo, neri e cupi di una realtà da “dopo l’uomo” dove la figura umana non trova posto spazzata dalla sua stessa capacità industriale che azzera ogni forma di naturalezza, da Tactus Intimus,2009,

la figura dell’uomo torna a essere protagonista presente e non sottintesa della sua ricerca espressiva.

The Other Myself

Abbiamo visto come il corpo-tela sia l’elemento cardine di Christian Leperino sia nella sua accezione sottintesa che presente sulla tela, ma anche all’interno della scultura. Nel 2014 con The Other Myself vince il contest Showyourself@Madre.

Con questa scultura viene a riaffermarsi il primato dell’uomo della sua storia invisibile che non traspare necessariamente dal suo volto, ma che come un bagaglio, più o meno pesante porta con sé ogni uomo e di cui tutti dovremmo essere più consci.

The Other Myself racconta la storia di 21 persone, 21 volti allineati su 3 file orizzontali, di cui non si conosce nulla, spesso considerati invisibili della società per tanti motivi, o anche no, che con il loro volto affermano la propria presenza nel mondo. Il nostro mondo, di tutti. I volti sono quelli di uomini e donne, immigrati e rifugiati che Christian ha incontrato a Napoli e che hanno prestato il proprio volto, e il proprio vissuto, all’artista per prenderne calchi e realizzare

una scultura e archivio-muto-urlante delle loro esperienze.

Tutto ciò mostra un’attenta riflessione da parte dell’artista, ma in special modo si cerca la riflessione del fruitore, nel ricercare un segno di similitudine, somiglianza, convergenza tra quei volti e il nostro.

L’immagine di quei volti dovrebbe portare alla mimesi tra chi osserva e loro, l’immedesimazione nei volti, espressioni dei protagonisti della scultura che sono i 21 sconosciuti, tutti trovano un segno, un punto familiare in mezzo a tanti volti di sconosciuti. Questo è proprio il caso in cui un’immagine vale più di mille parole.

Nella prossima puntata parleremo del La Breccia di Porta Pia di Cammarano.

Potrebbero interessarti anche:

L’Antro della Sibilla: un onere per amore
Le tradizioni di Carnevale a Napoli

Next Post

Le 5 maschere del Carnevale 2021 a Napoli: la Festa più amata di sempre

Mer Feb 17 , 2021
Tante sono le curiosità sulle origini e la storia del Carnevale; buon cibo, allegria e spensieratezza sono gli ingredienti per festeggiare al meglio la festa più attesa dell'anno; e Napoli, protagonista della tradizione carnevalesca risponde così.
maschere_carnevale