L’incendio del Teatro San Carlo: la distruzione del Lirico

La distruzione del Lirico avvenne nel 1816: 10 dopo i rifacimenti di Antonio Niccolini, l’incendio del Teatro San Carlo devastò la corte.

Non c’è nulla, in tutta Europa, che non dico si avvicini a questo teatro ma ne dia la più pallida idea. Questa sala, ricostruita in trecento giorni, è un colpo di Stato. Essa garantisce al re, meglio della legge più perfetta, il favore popolare… Chi volesse farsi lapidare, non avrebbe che da trovarvi un difetto. Appena parlate di Ferdinando, vi dicono: ‘ha ricostruito il San Carlo!’

Stendhal

Diversi incendi hanno devastato le città italiane ed europee. Nel dettaglio anche le opere d’arte hanno sofferto le fiamme e tra queste i teatri. La Fenice di Venezia, il Teatro Petruzzelli di Bari oppure la Biblioteca Accademia delle Scienze di Mosca sono solo alcuni esempi. E come ogni evento storico o curiosità sulla città di Napoli, anche l’incendio del Teatro San Carlo del 1816 è protagonista della rubrica Discover Naples.

Un Lirico per la città

Ad affiancare il Teatro di Corte del Palazzo Reale di Napoli, Re Carlo di Borbone affida a Antonio Medrano e Antonio Carasale (impegnati con il progetto del Sito Reale di Capodimonte e successivamente denunciati per delle “tangenti”) la costruzione di un teatro per la città. Nel 1737 nasce il teatro lirico più antico d’Europa nella zona di Largo di Palazzo e dell’antico Rione Santa Brigida.

44 anni prima della Scala e 51 anni dalla costruzione della Feniceil potere regio napoletano viene rappresentato dal Lirico. 6 ordini, un palco reale in rosso e gli abbellimenti in azzurro e argento per un edificio che avrebbe ospitato 1379 posti. Inaugurato il 4 novembre, giorno dell’onomastico del Re, sfoggia “Achille in Sciro” di Pietro Metastasio, con musica di Domenico Sarro.

L’incendio del Teatro San Carlo

incendio Teatro San Carlo
ITALY – AUGUST 06: The burning of the Theatre San Carlo in Naples, February 12, 1816, by Anton Sminck Pitloo (1791-1837), oil on canvas, 51×65 cm. Italy, 19th century. (Photo by DeAgostini/Getty Images)

Lo splendore del Teatro San Carlo viene rivisto da Antonio Niccolini nei primi anni del XIX secolo. Vengono rivisti gli interni e il portico ai tre ingressi del teatro ma l’incarico affidatogli da Gioacchino Murat non è l’unico…

La notte del 12 febbraio 1816, il teatro San Carlo di Napoli venne invaso dalle fiamme. Un incendio causato da una lanterna lasciata accesa durante le prove di uno spettacolo. Degli interni rimasero soltanto le mura perimetrali e non bastò la mobilitazione dell’esercito e della popolazione per spegnere il rogo. In concomitanza con la Restaurazione borbonica, Ferdinando I delle Due Sicilie ebbe il modo di far risplendere il Regno.

In meno di un anno viene rifatto il Massimo napoletano sempre ad opera di Antonio Niccolini allargando il boccascena e cambiando i colori degli interni. Inoltre viene dipinto, avverrà anche in tempi successivi, più volte il sipario raffigurante oggi un simbolico Parnaso. I cambiamenti non si assestano: nel 1844 viene migliorato l’esterno del teatro che nel 1937 (in piena epoca fascista) ha il suo foyer. 

Il teatro ha avuto tanti ammodernamenti, per ultimi quelli post bellici dopo i bombardamenti del 1943. Ha visto lo sventramento del Risanamento e la costruzione della Galleria Umberto I con il pronao per creare lo slargo a dare maggior maestosità alla facciata. Ma nonostante ciò, la bellezza e la storia sono i due elementi fondamentali che hanno reso il San Carlo celebre in tutto il mondo. 

Potrebbe interessare:

Teatro San Carlo: la rinascita della fenice
Il Teatro di San Carlo apre le sue stanze segrete

Next Post

Eventi San Valentino: la Festa degli Innamorati a Napoli

Gio Feb 11 , 2021
Dove trascorrere il miglior weekend di San Valentino se non a Napoli, la città più romantica del Mondo; una città che racconta le più belle storie d'amore di sempre. Un amore non soltanto tra innamorati, ma tra tutte le persone che sentono forte il legame con la città. Dove l'Amore con la "A" maiuscola si respira in ogni vicolo, in ogni testimonianza di arte, cultura e musica. 
eventi_san_valentino_napoli