Napoli – Spezia: la top XI post partita

Analisi post partita in pillole, voti, statistiche e curiosità. Da 1 a 11 il riassunto di Napoli – Spezia

1 – solo era il risultato da fare, la Vittoria. Onore ai vincitori, ma il Napoli fa e disfa in maniera sistematica e pericolosa. Errare è umano ma perseverare è diabolico

2 – pesi e due misure, come sempre. Non è un alibi, ma il rigore assegnato allo Spezia è più scandaloso di quello non dato su Fabian. Premiare anche in televisione uno che si cerca il rigore, fingendo, la dice lunga sulla qualità del sistema calcio italiano.
Aurè sbatti i piedi per terra, questa storia deve finire

3 – sconfitte in casa in campionato e non è neanche finito il girone di andata. La pazienza sta finendo

4 – alla prestazione generale, perché la sconfitta brucia anche se immeritata. La ricerca del risultato a volte deve prevalere sulla qualità del gioco. Più bestie e meno belli

5 – minuti a Petagna per sbloccare una stregata Napoli – Spezia e dare l’illusione che la Befana fosse piena di cioccolato. Ma a noi tocca il carbone

6 – tiri in 15 minuti. Record di Insigne che forse ha anche il record dei gol non fatti. A volte cerchiamo il gol fantastico, ma anche il golazo vale 1. Narciso per specchiarsi cadde in acqua, non facciamo la stessa fine anche noi..

7 – all’onestà di Italiano che sa di aver fatto uno scippo. Azzecca i due cambi che di fatto cambiano il match e ha il coraggio di lasciare le due punte anche in inferiorità numerica. Vola solo chi osa

8 – squadre in lotta per 6 posti totali europei e tutte sembrano avere qualcosa in più di  noi. Mettiamoci il momento assurdo, gli infortuni etc. ma Gattuso ha la squadra migliore degli ultimi 10 anni e ancora non si sa se si vede la sua mano o i giocatori ricordano i bei vecchi tempi. Sarebbe il momento di indagare…

9 – punti di differenza dalla prima che potevano essere 6 e creare il bel mucchio selvaggio del Piccinini. Il campionato è più che mai aperto ma noi evitiamo le zone alte quasi come un vegano evita una macelleria

10 – calci d’angolo e 10 tiri in porta (a fronte dei 29 totali) ma niente, non si segna. Ai punti avremmo vinto tutte le partite, primi per produzione offensiva in Europa. Ma dobbiamo allargare la porta

11 vs 10 partita finita? Chi non ha immaginato un epilogo felice? Chiedere alla difesa azzurra, ipnotizzata come un bimbo che guarda un video dei gattini, come è possibile regalare un gol del genere e come è possibile che alla prima occasione ci segnano. Chi è causa del suo mal pianga se stesso

 

Potrebbe interessarti:

Preview Napoli-Spezia: partenopei a caccia del “bis”

 

Next Post

Ritratto di un sogno - fuori il libro di Teresa Morone

Gio Gen 7 , 2021
È uscito da pochi giorni "Il Ritratto di un sogno" il libro d'esordio di Teresa Morone, riguardante storie di alcune stiliste italiane famose.