Concluso vertice Governo-Regioni per il nuovo DPCM

Si è appena concluso il vertice tra Governo e Regioni nel quale si è discusso delle possibili misure di contenimento del COVID-19 contenute nel nuovo DPCM, la cui approvazione è prevista tra stasera e domani.

Vertice Governo-Regioni: si pensa ad orari scaglionati per gli studenti

È prevista la pubblicazione del nuovo DPCM tra stasera e domani. La riunione per discutere delle nuove misure ha visto la partecipazione dei principali esponenti del Governo, dei responsabili delle regioni ma anche del capo della Protezione Civile Borrelli e del commissario Arcuri. Le regioni sono state rappresentate dal presidente della Conferenza delle Regioni Bonaccini e dal suo vice Toti. Erano inoltre presenti i rappresentanti dei comuni e delle province, come il presidente dell’Anci De Caro ed il presidente dell’UPI De Pascale.

I punti che hanno creato maggior tensione tra Governo e Regioni sono stati diversi. È stata discussa l’ipotesi di ingressi con orari scaglionati per gli studenti di scuole primarie e secondarie. Sono quasi certi i limiti alla capienza dei mezzi pubblici e le strette agli orari di chiusura di ristoranti e bar. Sul tema scuola si è espressa la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina che ha dichiarato nel corso del vertice: «La scuola in presenza è fondamentale per tutti, dai più piccoli all’ultimo anno del secondo grado»

Sport di contatto sul filo del rasoio, nessuna novità su piscine e palestre

Non sono invece emerse indiscrezioni concernenti la chiusura o la limitazione delle attività sportive. «Nessuna decisione è stata presa ancora in merito alla chiusura di palestre e piscine» ha affermato una fonte che è a stretto contatto con il ministro dello sport Spadafora. Non sono confermate né smentite le ipotesi “di corridoio” riguardanti il blocco agli sport dilettantistici a contatto o la chiusura delle palestre

Il rapporto complesso tra DPCM e ordinanze regionali

Queste misure porterebbero ben poche novità in Campania, poiché le ordinanza regionale approvate dal governatore De Luca il 15 e il 17 ottobre hanno già imposto numerose limitazioni. Pertanto resterebbe in vigore la chiusura delle scuole, con esclusione dei nidi per l’infanzia. Ristoranti e attività dovrebbero continuare a rispettare la chiusura obbligatoria alle ore 23.

 

Potrebbe interessarti:

Critica aperta alla gestione del COVID

Next Post

Comune di Napoli chiude Amico Bio Mergellina

Dom Ott 18 , 2020
Il Comune di Napoli chiude Amico Bio Mergellina “Il comune di Napoli fa acqua da tutte le parti”: questa la dichiarazione dell’imprenditore campano Bruno Zarzaca. Il fondatore del noto gruppo di ristorazione biologica “Amico Bio” aveva aperto la sua sede a Mergellina appena tre anni fa per portare il suo […]
Comune di Napoli chiude Amico Bio Mergellina