Conoscere la città con il fotoracconto di Napoli Street View

Il compito di Napoli Street View è rendere i cittadini problemi che attanagliano la città, quanto delle bellezze che talvolta ignoriamo.

A volte le foto possono rappresentare qualcosa in più di semplici immagini. Esse raccontano la realtà di un luogo in maniera più impattante di un qualsiasi testo scritto.

Napoli dagli occhi di Google Street View

Il compito di Napoli Street View è rendere i cittadini più consapevoli tanto dei problemi che attanagliano la città, quanto delle bellezze che talvolta ignoriamo. Le foto pubblicate sui social, come Instagram, Twitter e Facebook sono screen che rappresentano scorci di Napoli o di altre realtà campane che spesso sottovalutiamo.

La pagina Instagram presenta diverse categorie che spaziano dai temi più disparati, come: Legalità, Curiosità, Amore ed Arte. L’esistenza di questa prima categoria dimostra che la pagina è interessata a tematiche sociali e ambientali. In particolare, in queste storie in evidenza, sono presenti immagini di cumuli di spazzatura, ma anche foto di denuncia sociale contro il caporalato o l’inciviltà.

La città di Napoli a nudo

Attraverso i semplici screen di Google Street View la pagina rappresenta la realtà in maniera cruda e viva. Essa non teme di rappresentare gli aspetti più controversi della città partenopea e attraverso le sue immagini mostra gli “ultimi”: da prostitute,  a mendicanti, a lavoratori, fino agli abitanti dei “vasci”. Il messaggio della pagina è un inno all’uguaglianza, riassumibile attraverso il celebre detto napoletano: “Stamm tutt’ quant’ sott o stess ciel'”.

La seconda categoria più affascinante della pagina concerne le bellezze artistiche della nostra regione. Napoli Street View nutre interesse per una delle forme d’arte più vicine al sentimento popolare, cioè il murales. In particolare attraverso il ritratto di San Gennaro di Jorit a Via Duomo e le opere “gemelle” “Je sto vicino a te” di Daniele Nitti e “A mamm e tutt e mamm” di La Fille Bertha rappresenta tutto l’amore che un popolo può esprimere nei confronti della propria città.

Potrebbe interessarti:

Cultura, lingua e tradizione: al Grenoble si impara il Napoletano

Next Post

Pizza cosacca, la pizza dello Zar amata dai napoletani

Dom Ott 18 , 2020
La storia di una pizza antichissima, creata a Napoli prima della Margherita, amata dagli Zar di Russia, riscoperta negli ultimi anni da pizzaioli come i Fratelli Salvo. Il Corriere di Napoli questa domenica vi racconta come realizzare la Pizza cosacca.
Pizza cosacca condimento