Il Napoli non ha continuità. Altra sconfitta al Tardini

Fioccano i rigori allo Stadio Tardini e il Napoli si ferma ancora. Il Parma esce dalla crisi e lo fa in una partita non delle migliori.

Il Napoli continua a vivere di alti e bassi. Il Parma, che aveva battuto i partenopei anche alla prima di Gennaro Gattuso sotto il Vesuvio, si ripete e vince per 2-1. Di rigore, si può dire. I crociati “risuscitano” allo Stadio Tardini, dove l’anno scorso aveva perso per 4-0, dopo quattro sconfitte nelle ultime cinque partite. La rimonta subita contro la Sampdoria destava preoccupazione e non poca per gli uomini di D’Aversa, comunque a +11 sulla salvezza prima del match delle 19.30. L’unico punto era arrivato nel derby con il Bologna e oggi, grazie ai rigori di Gianluca Caprari e il promesso sposo della Juventus Dejan Kulusevski, torna a sorridere a quota 43 punti. 

Un’altra sconfitta al Tardini invece per i partenopei che continuano a non avere continuità ed ora a -3 dal Milan vittorioso ieri a Sassuolo. Prestazione opaca, pesantezza nelle gambe e poche occasioni create: una sfida molto simile a quella di domenica contro il Bologna, quando soltanto un gol nel finale di Politano aveva salvato i campani. Insigne trova il rigore della speranza ma a nulla vale: la Roma impegnata a Ferrara può andare a +5.

CRONACA

PRIMO TEMPO

Il Napoli comincia subito in maniera positiva: Insigne trova Politano ma Sepe si fa trovare pronto. I partenopei mettono sotto pressione i padroni di casa che provano la prima conclusione con Siligardi: destro potente ma a lato. Sono tanti i momenti morti del match: Karamoh e Fabian Ruiz vanno vicini al vantaggio ma in maniera poco convinta.
Il Napoli va in debito d’ossigeno e rischia la frittata: Di Lorenzo salva sulla linea dopo l’errore tra Maksimovic e Allan con la conclusione di Siligardi dopo il passaggio di Karamoh. Il Napoli prova timidi affondi e alla fine cade: Grassi viene atterrato da Mario Rui su assist di Siligardi e Caprari trasforma il rigore del vantaggio.

SECONDO TEMPO

Dopo la girandola di cambi, le due squadre cominciano a rilento ma anche i crociati commettono un errore: fallo in area e rigore trasformato da Lorenzo Insigne. Dopo diversi cambi e l’infortunio di Grassi, i partenopei ci provano con Insigne e Fabian Ruiz ma le conclusioni non sono indimenticabili: Sepe successivamente si supera su Lozano e Callejon dal limite.

 Dopo la chance di Di Lorenzo però, un Parma mai domo ma allo stesso mai pericoloso, trova un’incursione di Kulusevski sulla sinistra e viene atterrato da Koulibaly: il #44 trasforma e rende salvo i crociati. A nulla vale l’attacco finale sprecato da Younes: per il Napoli arriva un’altra sconfitta al Tardini.

TABELLINO

PARMA-NAPOLI 2-1(Caprari (P) 45′, Insigne (N) 54′, Kulusevski (P) 87′)

FORMAZIONI

PARMA (4-3-3): Sepe; Darmian, Dermaku, Bruno Alves, Pezzella; Grassi (dal 60′ Barillà), Brugman, Kurtic (dal 74′ Iacoponi); Siligardi (dal 58′ Kulusevski), Caprari (dal 74′ Gervinho), Karamoh (dal 60′ Inglese). All. D’Aversa.

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Fabian Ruiz (dal 77′ Zielinski), Demme (dall’86’ Lobotka), Allan (dal 65′ Elmas); Politano (dal 65′ Callejon), Lozano (dall’86’ Younes), Insigne. All. Gattuso.

Leggi di più sul nostro sito

Serie A: il Napoli crea ma non basta. Il Milan lo ferma
Presentate le nuove maglie

One thought on “Il Napoli non ha continuità. Altra sconfitta al Tardini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

L'angolo dei videogiochi: corsi game maker

Gio Lug 23 , 2020
Corsi game maker. Bentornati a tutti nel nostro consueto appuntamento settimanale. Oggi la nostra rubrica si arricchisce con un tema molto importante: La “Game Maker Academy”! Precisamente a Cagliari si trova questa vera e propria Università del gioco. Ma andiamo ad approfondire meglio il tutto IL GAMER CHE VERRÀ Corsi […]