Corno napoletano: istruzioni per l’uso!

Portachiavi, bracciali, collane, il curniciello è ovunque a Napoli! Simbolo apotropaico per eccellenza, scopriamo insieme come attivarlo!

Come ogni lunedì torna Discover Naples, la rubrica all’insegna della scoperta di miti e leggende partenopee! Questa settimana, però, ci concentreremo sulle origini di uno degli oggetti che più caratterizzano il popolo napoletano: il corno napoletano- o’ curniciello! 

Se ti sei perso il nostro ultimo articolo, leggi anche Le Janare, streghe agresti del beneventano.

Le origini della tradizione

corno napoletano
foto YouRelais Pergolesi

Dal greco apotropaios- allontanante- apotropaico si dice di oggetto, gesto, parola che serve ad allontanare un’influenza magica, ritenuta maligna o dannosa per chi la riceve.

Elemento folkloristico e talismano porta fortuna per eccellenza, la fama del curniciello ha radici antichissime. Siamo nel Neolitico intorno al 3500 a.C quando, nelle caverne, erano esposte le corna degli animali cacciati; all’epoca il significato del rituale era quello di ostentare la potenza degli abitanti della caverna e la prosperità della famiglia (Rogiosi editore). Il corno, infatti, era considerato un importante simbolo di fertilità e, di conseguenza, fortuna: più un popolo era fertile, più era fortunato!

In epoche più recenti, si è attribuito il corno napoletano alla potenza sessuale: esso sembrerebbe rappresentare il fallo di Priapo, dio della fertilità e protettore dalla cattiva sorte. La cultura napoletana, tuttavia, non è stata la sola ad adottare quello del corno come simbolo propiziatorio: la cultura sumera, cinese, tedesca e sciamanica siberiana hanno adottato il talismano per via delle sue doti.

Il corno a Napoli

corno napoletano portafortuna
foto Tripadvisor.it

Rigorosamente rosso e fatto a mano, anche l’estetica del talismano ha una simbologia ben precisa e radicata nel tempo:  fatto a mano in modo che l’artigiano rilasci sull’oggetto la sua energia positiva; il colore rosso, invece, sta a simboleggiare la vittoria sui nemici e il sangue, simbolo della vita stessa.

Il corno napoletano è l’elemento caratterizzante della città. Acquistabile praticamente ovunque, è tassativamente vietato non possederne uno… anche se non si crede al suo potere. San Gregorio Armeno con i suoi artigiani, di sicuro, resta il luogo per eccellenza dove poterlo reperire, assieme a regole per l’utilizzo, per l’attivazione e per farne buon uso. Naturalmente la regola fondamentale (e da non trasgredire!) è quella di non auto-regalarsi un cornicello. Mai!

Modalità d’uso

Tuosto, vacante, stuorto e cu’ ‘a ponta

corno napoletano portafortunaRegola basilare: il curniciello va ricevuto in dono e al momento del regalo, si chiede al ricevente di aprire il palmo e pungerne il centro con la punta del corno. La persona che ha ricevuto il dono, inoltre, deve recitare la famosa frase di Totò:

Quello che vuoi per me , il doppio lo auguro a te

Rigido, storto e appuntito e (possibilmente) di corallo sono le caratteristiche fondamentali affinché un corno sia efficace ed effettivamente funzionante. Leggenda vuole che, a momento della rottura, se questa è avvenuta sulla punta allora la fortuna è dalla vostra parte. Al contrario, se la spaccatura è generica, il corno ha adempiuto al suo dovere di scacciare malocchio e malelingue! 

Resta sempre aggiornato sui nostri ultimi articoli:
Aggiungi il nostro RSS alle tue pagine
Iscriviti alla pagina Facebook 
Seguici su Instagram
Iscriviti al nostro canale YouTube
Seguici su Twitter
Iscriviti al gruppo Facebook

One thought on “Corno napoletano: istruzioni per l’uso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Tramandars X ENEL. Il nuovo progetto con Gianpiero D'Alessandro

Lun Giu 29 , 2020
Dopo averlo presentato a RadioSca, l'associazione culturale Tramandars, in collaborazione con l'Enel, ha dato vita al murales di Gianpiero D'Alessandro.
Gianpiero D'Alessandro