#vivinapoli: Davide Montuori, il wine artist partenopeo

Davide Montuori, il wine artist partenopeo. Napoli non smette mai di stupire e anche nei momenti di difficoltà non ci si abbatte. Infatti, dopo il video de “Il boss delle vacanze” sulla storia della città partenopea anche in chiave ironica, la cultura resta protagonista. Oggi è il turno di Davide Montuori, il wine artist partenopeo che dipinge con prodotti…naturali! Infatti, l’artista campano realizza opere interamente con il vino.

Grazie a @RadioPuntoZero che mi ha dedicato un intervista per Live Social Radio.Una panoramica sul mio lavoro e sulla scena artistica contemporanea.Si vede che sono emozionato?

Pubblicato da Davide Montuori wine artist su Giovedì 23 aprile 2020

Nonostante la quarantena per via del Coronavirus, l’artista napoletano ha deciso di aprire il proprio laboratorio al pubblico. Con 10 brevi videoclip, Davide Montuori presenterà 10 sue opere della sua ultima collezione chiamata “FIL ROUGE”. 

L’APPUNTAMENTO

Un appuntamento interessante, le cui puntate saranno pubblicate ogni martedì e venerdì alle ore 19:00, a partire dal 5 maggio, sui canali Facebook e Instagram dell’artista. Ma non solo. Infatti, anche il museo MAVV Wine Art Museum della prestigiosa Reggia di Portici, sostenitore del progetto, mostrerà i video sul proprio sito. L’obiettivo della maestosa reggia è quello di portare bellezza e suggestioni in una nuova esperienza di fruizione innovativa curata dal talentuoso wine artist.

Aggiungi il nostro RSS alle tue pagine
Iscriviti alla pagina Facebook 
Seguici su Instagram
Iscriviti al nostro canale YouTube
Seguici su Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Uroboro: in ricordo di Pio La Torre

Gio Apr 30 , 2020
Uroboro: in ricordo di Pio La Torre. Benvenuti al settimo episodio di “Uroboro”, una rubrica nella quale analizzeremo una volta a settimana un evento storico riguardante il passato recente e non. PERCHE’ UROBORO Mentre studiavo per l’università, mi sono imbattuto nel mio vecchio libro di filosofia. Riaprendolo, ho riletto il […]
Uroboro: in ricordo di Pio La Torre