#vivinapoli, Storie nuove di Napoli: Made in Cloister, il chiostro contemporaneo

Made in Cloister, il chiostro contemporaneo. Nuova puntata della rubrica Storie nuove di Napoli: Agostino De Rosa ci porta nel mondo dell’arte.

Storie nuove di Napoli: Made in Cloister, il chiostro contemporaneo. Nuovo appuntamento con i video di alcuni ragazzi del corso di Laurea Beni Culturali per il Turismo dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli. Per l’esame di Retorica&Storytelling con il professore e artista napoletano Franz Cerami, gli studenti hanno elaborato il progetto “Storie nuove di Napoli” a proposito della reinterpretazione e valorizzazione del territorio.

Il quinto video che è possibile scoprire nella sezione IGTV “Storie nuove di Napoli” del Corriere di Napoli ha come protagonista l’arte. L’elaborato è di Agostino De Rosa, che ha incentrato il proprio lavoro su “Made in Cloister, il chiostro contemporaneo”. Il tema della reinterpretazione torna protagonista attraverso la cultura.

IL CHIOSTRO REINVENTATO

All’interno di un complesso ecclesiastico del 1500, l’arte è stata reinterpretata. Made in Cloister è una Fondazione nata nel 2012   con lo scopo di restaurare il chiostro cinquecentesco di Santa Caterina a Formiello, che versava in stato di totale abbandono, per destinarlo a un centro di arte espositivo e performativo in dialogo con il quartiere. Un congiunto di arte del XVI secolo e quella dei giorni nostri.

CORRI SUL NOSTRO CANALE INSTAGRAM PER IL VIDEO DI AGOSTINO DE ROSA “MADE IN CLOISTER, IL CHIOSTRO CONTEMPORANEO”!

Aggiungi il nostro RSS alle tue pagine
Iscriviti alla pagina Facebook 
Seguici su Instagram
Iscriviti al nostro canale YouTube
Seguici su Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Coronavirus: Conte avvia la Fase 2 dal 4 maggio. “Convivenza con il virus”

Dom Apr 26 , 2020
Conte avvia la Fase 2 dal 4 maggio. Giuseppe Conte parla all’Italia annunciando un nuovo decreto valido sino al 18 maggio. Il Premier annuncia che oltre ai comprovati motivi di necessità, lavorativi, di salute e acquisti di cibo, si potrà andare a trovare parenti, quindi famigliari più stretti, sempre restando nelle […]
conte avvia la fase 2