Coronavirus: Manfredi e le ipotesi universitarie. Tasse ridotte?

Manfredi e le ipotesi universitarie. Il Ministro dell’Università annuncia il ritorno nelle aule: intanto gli studenti chiedono la riduzione delle tasse.

Manfredi e le ipotesi universitarie. Gaetano Manfredi annuncia il rientro in sede nelle rispettive università. Il Ministro dell’Università e della Ricerca è pronto ad adottare un piano ben definito per riaprire gli atenei. È questo il punto principale della nota inviata al CUN (Consiglio Universitario Nazionale), al CRUI e agli studenti.

Gaetano Manfredi e le ipotesi universitarie: l’ex Rettore dell’Unior ha annunciato che la riapertura delle scuole avverrà soltanto per svolgere gli esami in sede e le sedute di Laurea. Ma non solo, anche laboratori obbligatori e tirocini avverranno in loco. Un grande passo avanti ma tutto dipenderà dal trend del Coronavirus. Un’ottima notizia per le matricole e gli studenti universitari, che però dovranno continuare a seguire le lezioni via online. Una decisione diversa rispetto a quella del Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina che ha negato la possibilità di riaprire le scuole a maggio.

Una realtà, quella delle università, che proseguirà almeno fino a gennaio 2021: flessibilità e sicurezza sono le parole chiave per ripartire, anche per aiutare i fuori sede a contenere le spese.

CONTENERE LE SPESE: TASSE RIDOTTE?

La crisi economica sta colpendo tantissime persone e ovviamente il mondo intero. Restringendo la cerchia alla sola Italia e quindi all’istruzione, ecco che le costose università cominciano a diventare inaccessibili per gli studenti. Tra fuori sede e non, le spese per formarsi negli atenei sono sempre superiori e ovviamente ora più dolorose. Il virus e la chiusura dei negozi ha portato sconforto e impossibilità nel pagare le tasse universitarie. 

Al momento è pregiudicato il diritto allo studio delle categorie meno abbienti, compromettendo le carriere universitarie in corso e abbassare notevolmente il numero di immatricolazioni al prossimo anno accademico. Il crollo dei redditi non aiuterà nessuno, nemmeno chi ha aderito alla giacenza ISEE che vale per il 2018. Tra i problemi per gli studenti non figurano soltanto le tasse ma anche gli affitti, che a detta di Vincenzo De Luca, bisogna sospendere per tutti gli studenti universitari.

Tra le università più attive ci sono l’Università Suor Orsola Benincasa e l’Università Federico II di Napoli. Gli studenti dell’Università Suor Orsola Benincasa e quelli del Sindacato Universitario Link Napoli, in collaborazione con l’associazione universitaria L’Agorà degli Studenti si sono subito mobilitati. La mobilitazione dell’Unisob, che rivendica agevolazioni economiche, è nata dapprima su Facebook: dall’iniziale raccolta firme per una lettera al Rettore, si è passati ad una lettera all’assessore Daniela Villani che, sposando la causa, ha scritto al ministro Manfredi.

Gli studenti del Sindacato Universitario Link Napoli e dell’Agorà degli Studenti, infine, con una lettera al Rettore della Federico II, Arturo De Vivo, hanno rivendicato un’estensione della No Tax Area a fasce più ampie di iscritti, con una riduzione dei CFU necessari per accedervi o con una proroga della scadenza entro cui conseguirli, dal 10 agosto al 30 settembre; l’annullamento della mora per il pagamento ritardato della seconda e terza rata e non solo.

Per aiutare gli studenti ad ottenere ciò, ecco in soccorso una petizione che è possibile firmare al seguente link: http://chng.it/KR6ckWVm.

Aggiungi il nostro RSS alle tue pagine
Iscriviti alla pagina Facebook 
Seguici su Instagram
Iscriviti al nostro canale YouTube
Seguici su Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Le trasmissioni di #F2RadioLab continuano da casa!

Sab Apr 18 , 2020
Da circa un mese e mezzo, ormai, tutte le attività in Italia sono ferme. Anche scuole e università hanno chiuso i battenti in attesa delle nuove disposizioni. L’istruzione, però, ha trovato metodi alternativi per entrare nelle case degli studenti. I ragazzi proseguono le lezioni attraverso dirette streaming e altro materiale […]