UNISOB: La Pasqua digitale al tempo del Coronavirus

L’idea della Pasqua in quarantena può sembrare veramente deprimente. Ormai tutta l’Italia vive in condizione di isolamento da circa un mese e mezzo e qualsiasi tentativo di allentare la tensione e l’irrequietezza sembrano vani. Ma proprio la celebrazione pasquale potrebbe essere il diversivo ideale per distrarsi. Cucinare, riunirsi a tavola con la famiglia o seguire le celebrazioni religiose (rigorosamente in tv). Anche le piattraforme social contribuiscono ai festeggiamenti. Le dirette instagram e Facebook continuano per l’occasione  “La Pasqua digitale al tempo del Coronavirus” (UNISOB)

INIZIATIVA

Direttamente dal Canale YouTube dell’università Suor Orsola Benincasa (UNISOB), domani sera dalle 21:30 andrà in onda  “La Pasqua digitale al tempo del Coronavirus”. L’antropologo Marino Niola, direttore del MedEatResearch, ha descritto il diretta il programma dell’evento in collaborazione con l’archeologo Federico Marazzi e lo storico delle religioni Ottavio Di Grazia. Si tratta di una triade di “pillole video” dedicate alla Pasqua inseriete all’interno del più vasto progetto “La quarantena con la cultura”. La rassegna sarà attiva fino al 10 Maggio con conferenze calibrate intorno alle tematiche più disparate.

L’IDEA

Come preannunciato da Niola “Quest’anno stiamo assistendo ad una Pasqua tutta digitale. Non c’è più la folla che celebra in strada o nelle Chiese la resurrezione del Dio ma ci sono funzioni sacrali che si celebrano sul web senza ‘concorso di popolo’”. Il primo intervento previsto in diretta streaming è quello dello storico Ottavio Di Grazia, docente di Culture, identità e religioni del Suor Orsola. Questa sera terrà una rassegna sui riti e i miti pasquali tipici di ogni cultura e religione. Domani sera, invece, sarà la volta del professor Niola. A chiudere il ciclo, l’archeologo Federico Marazzi con il video di Pasquetta. L’ultimo appuntamento verterà su:“esperienze ed idee per riuscire a vivere con minor smarrimento il forzato obbligo di confinamento casalingo imposto dal Coronavirus”. Il Palinsesto de “La Pasqua al tempo del Coronavirus” in onda tra social e web. “Niente processioni e sacre rappresentazioni, non si misurerà in presenze ma in visualizzazioni”.

“LA QUARANTENA CON LA CULTURA”

L’universo culturale UNISOB, però, prevede una fitta programmazione fino al 10 Maggio. Tra arte, cinema, letteratura e teatro ma anche attualità e diritto al tempo del Coronavirus. Gli eventi online in pillole proseguono quotidianamente online sul sito http://www.unisob.na.it/eventi. Ecco un elenco delle prossime partecipazioni: mercoledì 15 Aprile alle 21.30, sulla “Fontana della Fortuna”. A seguire Emilia Di Martino, docente di Lingua e traduzione inglese, su “Sonorità linguistiche e nuovi orizzonti di senso”. Ancora Alessandra Storlazzi, docente di Strategie e comunicazione d’impresa su “Le nuove traiettorie della cultura d’impresa”. Infine, Stefania Ferraro, docente di Metodologie della Ricerca sociale su “L’influenza spagnola del 1918. La pandemia che cambiò il mondo”.

Aggiungi il nostro RSS alle tue pagine
Iscriviti alla pagina Facebook 
Seguici su Instagram
Seguici su Twitter
Iscriviti al nostro canale YouTube

Ti proponiamo altri articoli che potrebbero interessarti

Politica: Eurogruppo rinviato, nessun accordo su Eurobond

Coronavirus: Fase 2, il 21 Aprile la Campania può uscire dall’epidemia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Discover Naples, The obelisk in Piazza del Gesù

Sab Apr 11 , 2020
Discover Naples renews the Monday's appointment with a little known and sugestive story: the obelisk in Piazza del Gesù and the Immacolata's legend.